Browsing Tag

vaso

Home News

Parrot: il giardiniere ancora più smart

January 18, 2015
pot_parrot2

Il fenomeno dell’Internet of Things legato al mondo del verde prevede un forte consolidamento nel 2015, grazie al lancio di due nuovi device che faranno impazzire tutti gli appassionati di giardinaggio e tecnologia. All’edizione 2015 di CES di Las Vegas, l’azienda francese Parrot ha fatto parlare di sé, grazie anche ai sistemi integrati Pot e H2O.
Lo scorso anno Parrot aveva presentato Flower Power, il sensore che permette di monitorare lo stato di salute delle piante, grazie al monitoraggio dei paH2O_Parrotrametri fondamentali di vita del vegetale. Per il 2015 la società specializzata in droni presenta due dispositivi che aggiungono alla funzione di analisi dei valori della pianta, anche le funzioni di irrigazione automatica, con due modalità differenti.
Pot è un vaso con serbatoio da 2,2 litri che dosa l’acqua secondo i modi e i tempi adeguati alla specie vegetale. Quando l’acqua finisce, si attiva la modalità sopravvivenza, che mantiene il terreno umido in attesa che il giardiniere sbadato si ricordi di annaffiare. Il secondo, che si chiama H2O ha una funzione simile, l’irrigazione, ma si presenta sotto forma di beccuccio che trasforma le normali bottiglie di plastica in serbatoi smart. Entrambi i prodotti Parrot sono provvisti di sensori che monitorano i valori principali della pianta: umidità, quantità di fertilizzante, temperatura ed esposizione solare. I dati immagazzinati vengono poi trasferiti su smartphone e tablet tramite un’app dedicata e studiati dagli algoritmi di Parrot. Le notifiche dell’app consentiranno, quindi, di intervenire al momento giusto, quando la nostra pianta ha bisogno di acqua, quando riceve poco sole, etc.

 

 

Design Home Natale

Magnetized: il vaso che si attacca!

December 16, 2013
magnetic

timelessIl regalo adatto per un collega, un amico, una persona attenta ai dettagli, che ama i complementi d’arredo particolari e di design ed è sempre in cerca dell’ultima novità e tendenza. E’ da poco arrivata in Italia un marchio di vasi magnetici che vi permetterà, con un prezzo contenuto, di fare un figurone! Si chiama Offer Madsen ed è una società danese che ha sviluppato un nuovo concetto di vaso. Non vi serviranno tavoli o mobili, basterà un frigorifero, una bacheca o una superficie metallica. Perchè Magnetized è dotato di una calamita che potrà essere collocata in luoghi insoliti.
In questo modo la pianta diventa oggetto “di tutti giorni”, versatile proprio perchè piccola nella composizione e quindi facilmente spostabile.
Il vaso Magnetized di Offer Madsen è entrato nelle nomination del Floradania Innovation Award 2013 ed è stato presentato in Italia lo scorso settembre, durante il Flormart di Padova, fiera di settore dedicata e riservata agli operatori.
Il vaso costa 7 euro (visto da Fratelli Ingegnoli di Milano), una pianta di dimensioni molto contenute (meno di 9 cm), per esempio una succulenta vi costerà un paio di euro. Potete anche osare di più (nel prezzo) con una mini orchidea, particolarmente scenografica nelle composizioni appese o verticali. Magnetized è venduto in pezzi singoli, oppure in serie: quella che vedete nella foto si chiama Timeless Bloom ed è la mia preferita perchè colorata ma elegante.
Esiste anche in versione metallica, particolarmente adatta per il periodo natalizio e in bianco/nero/grigio, colori basic che si sposano con tutti gli arredi.

Se volete conoscere meglio questa azienda e sapere in quali punti vendita italiani sono venduti i vasi andate sul sito http://www.offermadsen.dk

Home Progetti

Orto sul terrazzo: alcuni consigli

November 18, 2013
insalata

Realizzare un orto sul terrazzo è semplice e gratificante: basta conoscere alcuni accorgimenti per facilitare il lavoro e aiutare il raccolto. Se siete cittadini metropolitani e non volete rinunciare ad avere frutta e verdura a km 0, non avrete bisogno di ettari di terra, vi basterà il vostro terrazzo.  Vediamo, nello specifico, alcuni consigli per iniziare la coltivazione!

Le dimensioni…contano! Per semplificarvi la vita, scegliete dei contenitori di grandi dimensioni. Invece di riempire la superficie del terrazzo con numerosi vasetti piccoli, che si prosciugano in poco tempo, optate per dei contenitori grandi e leggeri in materiale plastico oppure di metallo zincato. A differenza dei vasi rotondi, le vasche trattengono meglio l’umidità; inoltre si collocano meglio negli angoli dei balconi.

Una certezza: il terreno dei contenitori si asciuga più rapidamente del terreno dei giardini, soprattutto se siete ai piani alti. Per risolvere questo problema, acquistate fioriere con il serbatoio d’acqua, oppure costruitene una a costo 0. In commercio ne esistono varie, una la trovate in questo post. La riserva d’acqua consente di poter andare via il weekend senza l’ansia da irrigazione, ma soprattutto limita i disastri del giardiniere inesperto che non sa come irrigare. I vasi con sistema di autoirrigazione soddisfano per parecchi giorni anche piante che consumano molta acqua come zucchine e pomodori.

Acqua+sole? No, grazie! Nel periodo estivo, il più delicato, l’ideale sarebbe bagnare due volte al giorno per una durata di 5/10 minuti. Ricordatevi di bagnare la sera quando è calato il sole e la mattina presto, ma mai negli orari caldi. Il connubio acqua+sole brucia irrimediabilmente le vostre piante.

A che serve pacciamare? Per gestire al meglio le vostre irrigazioni vi consiglio anche di pacciamare (ovvero ricoprire)la superficie del terreno. Se non volete usare il letame, vanno benissimo ghiaia, ciottoli o pezzi di corteccia. Servono per trattenere l’acqua ed evitano che evapori velocemente dal terriccio. Vanno bene anche carta straccia, fogli di giornale ed erba tagliata, ma vengono utilizzati meno perchè volano via facilmente.
Un altro pratico accorgimento è l’utilizzo di palline di gel o cristalli idroretentori. Si esauriscono in alcuni mesi e servono per mantenere il terreno umido.

Seme o piantina? Alcune piante da orto sono molto delicate e impegnative. Necessitano di cure che solo un coltivatore esperto è in grado di dare. Per questo motivo, se dovete scegliere tra seme e piantina di semenziaio, è sicuramente meglio la seconda opzione. Nei garden center troverete, al momento giusto, le piantine pronte da mettere a dimora: sicuramente la parete dedicata alle sementi sarà sempre più ricca e fornita, ma la varietà di piantine va espandendosi continuamente, anche nei siti internet dedicati.

Attenti al peso! La tecnica migliore per favorire il drenaggio nei contenitori è di aggiungere sul fondo dei cocci di vasi di terracotta. Questi pezzi rotti rendono però il contenitore molto pesante, condizione non ideale per un terrazzo. Possiamo quindi sostituirli con dei pezzi di polistirolo da imballaggio, lo stesso polistirolo in cui erano contenute le nostre piante quando le abbiamo portate a casa.

Design Home

Tutorial per vaso decorato con limoni

January 13, 2010
limone

Decorare con elementi naturali non significa necessariamente spendere centinaia di euro dal fioraio. Possiamo creare un bel centrotavola solo con i fiori del nostro balcone e…con un limone! Sì, avete capito bene.
Il limone ha, prima di tutto, un colore bellissimo. Il lime ancora di più perché la sua buccia tende al verde acido. Inoltre la forma del limone è praticamente perfetta: la classica circolarità naturale che cattura l’attenzione ma concilia lo sguardo. Non servono grandi e costosi vasi per valorizzare la nostra composizione, bastano due contenitori di vetro, cubici, che siano uno più grande dell’altro. Andremo quindi a decorare il nostro vaso con delle fette di limone, posizionate tra i due vasi. L’unica cosa che dovete ricordare è di preparare la composizione il giorno stesso in cui vi serve, perché il succo di limone potrebbe colare e rendere il vostro lavoro un vero e proprio pasticcio.

Occorrente
  • 1 grande vaso cubo di vetro (15×15 cm)
  • 1 vaso cubo di vetro più piccolo (11×11 cm)
  • limoni
  • rafia o spago (per legare i fiori)
  • coltello
  • fiori

Una volta realizzato il nostro contenitore col limone, procediamo con la scelta dei fiori: io ho realizzato la composizione in autunno inoltrato e ho cercato in giardino qualcosa di fiorito che si abbinasse. Ho optato per Naturzio ed Hebe: visto che il limone deperisce in fretta, evitate di spendere soldi cercando fiori particolarmente duraturi. Quindi massima libertà! Li ho scelti sopratutto per i colori: l’arancione e il viola, quasi agli antipodi nella ruota dei colori, creano un effetto contrastante e allo stesso tempo complementare. I due colori, insieme, risultano più valorizzati.
Ricordate che nelle composizioni di fiori è bene inserire anche del fogliame, per creare movimento o semplicemente per dare colore verde. Io ho scelto le foglie di Nasturzio per la loro forma. Visto che il vaso contenitore non è molto grande, ho voluto dare volume con le foglie enorme di questo bellissimo fiore. Legate i fiori con dello spago o rafia prima di immergerli nell’acqua.

Tutorial

1

1
Prendete due vasi di vetro dalla forma cubica, che siano uno un pò più grande dell’altro.

4

2
Sistemate un caso cubo dentro l’altro. Come misure vanno bene 15×15 cm e 11×11 cm.

5

3
Tra i due vasi si è formata una striscia vuota, dove inseriremo la nostra decorazione.

2

4
Prendete alcuni limoni o del lime e tagliate alcune fettine.

3

5
Lo spessore deve essere proporzionato allo spazio tra i due vasi. Non fatele troppo lisce, altrimenti scivoleranno sul fondo.

6

6
Inserite le fette aiutandovi con un coltello oppure con stuzzicadenti lunghi.

7

7
Riempite d’acqua solo il vaso interno e inserite alcuni fiori: io ho optato per Nasturzio ed Hebe perchè hanno colori vivaci. Arricchisce la composizione la foglia di Nasturzio.