Browsing Tag

rosa

Io Compro Vivai

Monceau Fleurs, per chi vuole giocare al fiorista!

November 19, 2013
monceau_italy

Monceau Fleurs è una catena francese di negozi di fiori, un concept più moderno rispetto al tradizionale fioraio di quartiere. Fondata nel 1965, la catena di franchising si è imposta da subito come pioniere della vendita self service di fiori e piante. Oggi è leader indiscusso della distribuzione floreale in Francia ed è presente in molti altri Paesi con 450 negozi. Secondo il sito in francese, in Italia è presente con quattro punti vendita: a Milano, Como, Lecco e Borgomanero (No). Su internet non si trovano molte informazioni. C’è una pagina Facebook che però è molto più incentrata su foto di fiori che su informazioni commerciali.
Comunque, per rendersi conto di cosa si tratta, è bene farci un giro! Se vivete a Milano o in una delle altre città in cui è presente il Monceau Fleurs, potete visitarlo tutti i giorni della settimana (fino alle 9 secondo la pagina Facebook, ma ho verificato che chiude prima).
A cosa serve nel 2013 un fioraio? Io, da appassionata di piante, me lo chiedo sempre. I fiori deperiscono in fretta, se voglio regalare qualcosa “in verde”, preferisco di gran lunga una pianta. Almeno, in teoria, dovrebbe vivere a lungo!
Però Monceau Fleurs è diverso. Ha quelle caratteristiche da bancarella di mercato che ti invoglia a fare acquisti. Io lo utilizzo quando devo fare composizioni di fiori: al posto di acquistare il mazzo, costoso ovunque, preferisco confezionarlo da sola, scegliendo con cura i fiori a seconda dell’occasione. Certo, il lavoro del fiorista è proprio questo. Ma anche se non siamo fioristi possiamo improvvisarci tali!

Cosa acquistare:

Fiori
Se volete sbizzarrirvi e creare il vostro mazzo di fiori personalizzato, Monceau Fleurs è il posto che fa per voi. Gli steli sono suddivisi in mazzi e contenuti in grandi vasi su cui spiccano i prezzi. I fiori sono sempre bellissimi e ordinati nell’esposizione per colore.  Alcuni sono meno convenienti, in realtà. Ma lo sarebbero anche in altri punti vendita. Se scegliete varietà come la Protea e le bacche di Ilex nel periodo autunnale, state certi che il vostro mazzo durerà tantissimo. Quindi prima di andare o mentre siete li, documentatevi su quali specie durano di più. Più “frequentate” i fiori, più imparerete a capire quanto vi dureranno.
A volte ci sono anche delle Offerte Speciali, se vi serve proprio quel fiore e non potete farne a meno..ok, per questa volta acquistatelo!

La mia esperienza d’acquisto (metterò il tutorial del mazzo di fiori) partiva dall’idea dell’arancione. Tutto arancione. Sempre arancione.
Quindi ho acquistato i seguenti mazzi: Ilex, Germini (sono Gerbere in miniatura), Rosa e Protea. Per un totale di 18 euro.

 

fhgfhghgh

Garofani e Rose

fgeergegetgt

Gerbere e Tulipani

rthtyhty

Offerta di fine inverno

tgrtrtrt

Offerta di autunno

hghghhggh

Calluna e Giacinti

Io Compro Vivai

Cazzaniga, il vivaio da Oscar

July 15, 2013
cazzaniga2

Il Vivaio della famiglia Cazzaniga si trova a Vimodrone, nei pressi di Milano. L’azienda fu fondata da Cazzaniga Febo Giuseppe nel 1933 e fin da subito la produzione si legò a rosai e ibridazione. La ditta prosegue dal 1969 con i figli, specializzandosi in coltivazioni di Rose, Peonie, arboricoltura e piante annuali. E dagli anni ’90, con l’aiuto dei nipoti, vengono aggiunte vendita all’ingrosso e al dettaglio e soprattutto tutta la parte dedicata alla realizzazione e manutenzione dei giardini.
Se volete acquistare delle rose, fate un giro da Vivaio Cazzaniga. Non solo i proprietari sono disponibili ad aiutarvi e consigliarvi (cosa non sempre scontata), ma nel punto vendita troverete rose “famose”, vincitrici di numerosi concorsi internazionali. La famiglia Cazzaniga si è aggiudicata tre volte il primo premio del Concorso della Rosa di Monza, organizzato dall’Associazione Italiana della Rosa, con la rosa più profumata del mondo, e nel 2013 ha sbaragliato la concorrenza vincendo la categoria della Rosa più bella d’Italia, con A.I.Rosa, una floribunda di color rosa carico (scopri la rosa più bella d’Italia 2013).

Una parte del roseto

Una parte del roseto

Mimosa pudica

Mimosa pudica

Surfinie

Surfinie

Solanum

Solanum

Dipladenia

Dipladenia

 

 

Design Home

Composizione autunno: fiori arancioni

October 3, 2012
foto

Se volete cimentarvi nella realizzazione di una composizione floreale, vi mostro un
esempio di ciò arancioneche potete fare, a un prezzo contenuto, per abbellire la vostra casa oppure per fare un regalo a qualcuno. O anche, semplicemente, per imparare a prendere dimestichezza con forme e colori della natura. In generale, lo vedremo successivamente in un post dedicato, ci sono vari elementi da prendere in considerazione per realizzare un bouquet. Dallo spazio circostante, dall’arredamento al tipo di contenitore e alla sua forma, fino alla stagione e soprattutto l’occasione. In questo post lasciamo per un attimo in un angolo tutte queste variabili e concentriamoci su due concetti: la forma e il colore. Soprattutto sul colore, ci sono tante teorie riguardanti l’abbinamento. Per chi, come me, non ha assolutamente attitudine nell’abbinare i colori nell’abbigliamento, è bene partire da alcune regole basilari che nella composizione di fiori vi aiuteranno ad evitare l’effetto “pugno in un occhio” e anche l’effetto “funeral party”. La mia scelta autunnale di bouquet è ricaduta sul colore arancione: un colore che con le sue molteplici sfumature rispecchia benissimo l’atmosfera autunnale.

Consigli sul colore

Se non vi piace l’arancione, potete procedere con un altro colore o abbinarne alcuni. Tenete presente questi consigli:
- I colori adiacenti stanno bene insieme perché contengono elementi dei colori primari tra cui si trovano. Quindi il viola andrà bene con il blu e il rosso, oppure l’arancione con il giallo e il verde.
- Ogni colore ha varie tonalità che creano movimento. Le versioni chiara e scura di uno stesso colore fanno sì che la vostra composizione apparirà drammatica, solare, calda, fredda, armoniosa, psichedelica, etc. Nelle vostre prime composizioni, probabilmente il risultato sarà involontario, ma con la pratica e molto studio, vedrete che non vi presenterete a un compleanno con un bouquet natalizio!
Non rinunciate mai al verde delle foglie. Serve a miscelare i colori, talvolta a smorzarli oppure a rafforzarli.
- Tutti i colori possono stare insieme, ma non esagerate!! Non è necessario accostare mille colori. Limitatevi a tre o quattro adiacenti nella ruota del colore) oppure due colori complementari.
Attenzione al bianco! Sembra che si abbini con tutto ma non è vero! Abbinatelo con colori in grado di valorizzarlo, come il blu o il verde. E se proprio volete realizzare una composizione color latte, optate per una tonalità crema, più morbida e piacevole alla vista. Stesso discorso per il rosso, che se non è calibrato bene ci farà fare una composizione aggressiva e angosciante!

Acquisti

Io ho acquistato i miei mazzi di fiori da Monceau Fleurs in piazza Bonomelli, nella zona sud di Milano. Di solito si va dal fioraio ad acquistare mazzi già fatti e nel garden center per comprare le piante in vaso. Allora dove possiamo andare per acquistare i fiori? Monceau Fleurs va benissimo, perché la varietà è ampia e la qualità superiore. Altrimenti, se vivete a Milano, potete andare al bellissimo Mercato dei Fiori, aperto al pubblico il martedì e giovedì dalle 10 alle 12 e il sabato mattina dalle 9.30 alle 12.00. Lì troverete i vostri mazzi a prezzo abbordabile. Se andate in prossimità della chiusura potrete fare grandi affari.
La spesa per questi quattro mazzi di fiori è stata di 18 euro, per una media di 4,50 euro a mazzo.

La scelta dei fiori

  • 3 Protea
  • 6 Rosa
  • 6 Germini
  • 4 rami Ilex

Vi spiego brevemente perchè ho scelto queste quattro varietà. La Protea ha una forma sferica che si adatta benissimo per essere collocata al centro del bouquet. Fiori come la protea, grandi nelle dimensioni, vanno bene in una composizione con al massimo 3 fiori, altrimenti si rischia di confondere le forme. Ricordatevi anche che la Protea, va bene in un mazzo a stelo lungo, visto che il gambo è robusto e dritto. Tagliare il gambo per collocare il fiore in un vaso “basso” rischia di annientarne la forma.
La Rosa e la Gerbera (anche nel formato mini del tutorial) sono due fiori regolari, con petali ordinati; vanno bene in composizioni  in cui vengono ripetuti schemi e successioni di fiori.
Per spezzare la “monotonia” della forma circolare ho inserito anche le bacche di Ilex, rami da inserire (non esagerate) intorno alla composizione. Nel periodo autunnale questa pianta, usata prevalentemente come siepe, si ricopre di tantissime bacche di un colore che varia dal rosso acceso al rosa antico. Quelle che ho acquistato io sono di una tonalità di arancione spento che smorza un pò i toni della Gerbera.
Per completare il tutto ho aggiunto dei rami di Nandina Japonica, presi dal mio giardino. In realtà non è la pianta ideale per le composizioni, se volete un effetto simile a quello della Nandina, con tante foglie a mazzetto, con stelo dalla forma arcuata, vi consiglio il Ruscus. Però la Nandina è più morbida al tatto.

Tutorial

monceau fleurs

1
Scegliete e acquistate i vostri mazzi presso rivenditori di qualità, come Monceau Fleurs di piazzale Bonomelli a Milano.

IMG_1724

2
Con un taglierino, pulite tutti gli steli da foglie e spine. Lasciate solo del fogliame in cima, che non andrà a contatto con l’acqua del vaso.

IMG_1714

3
La Protea è un fiore molto duraturo e particolare per la sua forma. Servirà da “fulcro” della composizione.

IMG_1718

4
La Gerbera mini è un fiore regolare, simmetrico; nella sua semplicità è perfetto per composizioni in cui vengono ripetuti degli schemi.

IMG_1720

5
Le bacche di Ilex rafforzano forme già presenti oppure spezzano del tutto l’armonia di rosa e gerbera.

IMG_1712

6
La Rosa è utile nelle composizioni a fiori misti perchè, con i suoi petali e le sue sfumature, cattura lo sguardo.

IMG_1733

7
La Protea è il fulcro. Circondate il fiore con dei rami arcuati di foglie, fornirà consistenza alla composizione attenuando il colore arancio.

IMG_1741

8
Con della rafia o spago da giardino raggruppate il centro. Questo vi servirà per rendere il vostro bouquet più maneggevole mentre lo preparate.

IMG_1742

5
Andate ad aggiungere i fiori: per ottenere una forma “bombata” procedete a giro, inserendo un fiore e girando la composizione.

IMG_1743

6
Lasciate l’Ilex per ultimo: lo aggiungerete ai lati. Per giocare con le “altezze” non usate i fiori, ma le foglie verdi e i rami con le bacche.

IMG_1745

7
Pareggiate gli steli facendo un taglio obliquo su ognuno. Questo favorirà l’assorbimento dell’acqua e migliorerà l’idratazione dei fiori.

IMG_1784

8
Il vostro bouquet non profumerà: ma sarà talmente bello che catturerà l’attenzione. Grazie ad Anna per aver posato per me!
Home Progetti

Le rose nel cemento

July 22, 1999
rosa talea

“Signorina, in questo periodo le talee di rosa attaccano anche se le mette sul cemento!”. E’ questa la risposta di un addetto di un garden center alla mia domanda: “Riesco a fare una talea con questo ormone radicante?”.

Allora, piena di entusiasmo, ci ho provato. Per i neofiti, la talea è un metodo di riproduzione vegetativa che permette di ottenere un nuovo esemplare da una porzione di ramo della pianta madre. In questo tutorial proviamo a fare una talea di rosa, una delle piante più facilmente moltiplicabili attraverso questa pratica. Se c’è una rosa del vostro giardino che vi piace particolarmente, provate a seguire questi semplici passi.

Innanzitutto è d’obblico una precisazione: le talee non si possono fare tutti i giorni. Esistono nei periodi dell’anno che sono più favorevoli di altri, un fattore determinante per la riuscita. Per le rose si utilizzano talee di legno tenero, preparate in giungo-luglio, oppure talee di legno duro verso la fine dell’autunno.

Vediamo come preparare una talea di legno tenero.

Occorrente
  • vaso alto
  • terriccio universale
  • ormone radicante
  • rami
  • guanti per rose
 Tutorial

occorrente talea

1

Prendere un vaso in plastica abbastanza alto: disporre sul fondo uno strato drenante di argilla espansa e poi coprire con terriccio, oppure, per favorire la radicazione, usare un composto di torba, sabbia e terriccio.
Mettetevi dei guanti da lavoro, specifici per rose!

taglio rosa

2

La scelta dei rami: scegliere uno stelo non fiorito, robusto, sano e verde. Praticare un taglio obliquio appena sopra l’ascella di una foglia (la riga da cui posi spunteranno le foglie). Usare forbici pulite, per evitare che intacchino il ramo.

gemma bassa

3

Il secondo taglio si effettua a distanza di circa 20 cm. avendo cura di non rovinare la gemma che andrà a formare la nuova rosa. Se il ramo che avete tagliato ha delle foglie, tagliatele a esclusione delle due finali.

gemma rosa

4

Il taglio vicino alla gemma deve essere fatto a partire dalla gemma dall’alto verso il basso.

talea terra

5

Una volta effettuati i tagli, inserite la talea nel vaso, fino in fondo. Lasciando fuori solo l’ultima gemma. Se usate un ormone radicante in polvere, date una “spolverata” e poi inserite nel vaso.

talee vaso

6

Se invece usate un ormone liquido, annaffiate abbondantemente le talee con acqua e ormone. Nei primi tempi è importante mantenere il terreno umido (non fradicio!): continuate a mescolare acqua e ormone. E controllare giornalmente che la terra sia bagnata.

IMG_8525

7

Dopo circa 60 giorni, la vostra rosa apparirà così. Sarà estate piena, se avete fatto la talea in primavera, quindi potete lasciarla nel vaso ancora per una stagione, in modo che la pianta si fortifichi e non subisca lo stress del trapianto.

Design Home

Floral design: usiamo il nastro adesivo

February 11, 1990
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo scorso weekend, quando dopo mesi è spuntato a Milano un raggio di sole, mi è venuta subito voglia di maneggiare fiori e foglie. Ho pensato di realizzare un tutorial molto semplice, quanto scenografico, per chi, anche solo per un pomeriggio, vuole improvvisarsi floral designer. Della serie #siamotuttifloraldesigner, a volte basta un pò di fantasia e molta passione per ottenere “buone cose”.
Partiamo innanzitutto dal concept: si tratta di un vaso in cui i fiori risultano “sospesi”. Lo scopo è coprire la superficie con una griglia e inserire i fiori nei fori, in modo da trasmettere una sensazione eterea e leggera. É molto più semplice vedere il tutorial, comunque l’idea di base è mettere in ammollo i fiori appoggiandoli sui sostegni del nastro. Tutta la composizione sarà, quindi, sviluppata in verticale, con ogni fiore ben eretto. L’occorrente è, appunto, del nastro adesivo e un vaso. Il vaso deve essere necessariamente trasparente, meglio se quadrato. La scacchiera che si forma nell’apertura è un prolungamento della struttura quadrata del contenitore.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Per questa composizione vanno benissimo i fiori a corolla grande e resistente. Scegliete Rose, Ranuncoli, Gerbere, Anemoni, Dalie, Crisantemi, a seconda della stagione e della disponibilità del vostro fiorista. È importante che i fiori siamo belli grossi, in modo che i petali nascondano il nastro adesivo. Al posto di un unico fiore grande, potete anche optare per quattro più piccoli. Però la composizione rende meglio con un tot di gambi singoli e ben visibili.
Io ho scelto le rose per il centro, acquistate da Monceau Fleurs (5,90 per 5 rose) e dei garofani Lidl (1,99 a mazzo) per il contorno.
Quando andate a scegliere i fiori, giudicate voi quale effetto vorreste ottenere. Nel post sulla composizione autunnale potete trovare alcuni consigli sull’abbinamento dei colori.