Browsing Tag

Calceolaria

Home Progetti

Le piante e la luce: le regole d’oro

May 28, 2014
calceolaria luce2

La luce è il secondo alimento della pianta, dopo l’acqua, e anche il secondo grande interrogativo dei giardinieri poco esperti. Come per le annaffiature, anche per l’illuminazione le piante differiscono tra loro per esigenze, ma esistono due regole di base che è bene seguire e da cui partire per imparare cose più difficili. A prescindere dalla specie, tutte le piante necessitano di molta luminosità. Il sole diretto in molti casi è la causa primaria della morte di una pianta. Partendo da queste due affermazioni, da tenere sempre a mente, vediamo nella pratica come “funziona” la luce sulle piante. Sotto potete vedere la differenza tra due piante che hanno preso luce diversa. Questi due esemplari di Calceolaria sono stati acquistati insieme, nello stesso posto, lo stesso giorno. Li ho annaffiati ugualmente. L’unica differenza è che uno l’ho messo sulla scrivania a lavoro, in prossimità di una finestra esposta a est, mentre l’altro l’ho lasciato a casa mia, un appartamento a piano terra che di giorno rimane totalmente al buio. Molto chiaramente potete vedere come hanno reagito le piante: quella al buio ha perso il colore delle foglie, che si sono man mano seccate. E’ inoltre cresciuta in altezza, ma non uniformemente, proprio perchè era alla ricerca della luce.

luce_piante

Le regole d’oro
Le piante da interno non devono essere esposte alla luce diretta del sole. Anche se hanno bisogno di molte ore di luce, fate attenzione a distanziarle dalla finestra quel tanto necessario.
Le foglie variegate, nei toni crema e verde, necessitano di più luce rispetto a quelle che hanno la foglia completamente verde.
Una buona esposizione alla luce favorisce la fioritura.
Piante come la Peperomia o l’Hedera, che tollerano ambienti poco luminosi, vanno comunque spostate in un luogo luminoso ogni due o tre settimane.
Anche l’arredamento della casa è importante: se la luce si riflette in un fondo bianco, permetterà a tutta la pianta di crescere in modo uniforme
La pianta necessita di quantità diverse di luce a seconda delle fase: nella fase di crescita richiedono una luce molto intensa per un maggior numero di ore rispetto al periodo di riposo.

Troppa luce
Quando le piante ricevono troppa luce, soprattutto a partire da metà primavera, le foglie iniziano a presentare delle vere e proprie bruciature. Prima compaiono macchie bianche; poi marroni e secche. L’eccesso di luce, anche se non diretto, causa danni ugualmente gravi quanto un’illuminazione inadeguata. E’ bene, quindi, verificare sempre, a partire dalle foglie, se la nostra pianta è nella posizione giusta, in ogni stagione.
Caratteristiche:

  • Scoloritura delle foglie
  • Inclinazione delle foglie in direzione opposta rispetto alla fonte di luce
  • Foglie nuove più piccole del normale
  • Aspetto avvizzito durante le ore più calde del giorno
  • Foglie tristi e senza vita
  • Foglie vecchie con bordi marroni e bruciati

Troppo buio
Imparare a capire se una pianta sta soffrendo per l’oscurità non è così difficile. Cresce molto in altezza, ma debolmente, perchè sta cercando la luce. Il colore inizia a scomparire, le foglie diventano giallognole.
Caratteristiche:

  • Foglie e steli allungati e privi di colore
  • Crescita eccessiva e disordinata
  • Foglie nuove più piccole, pallide e giallognole
  • Caduta delle foglie inferiori e delle nuove
  • Crescita nulla durante l’estate
  • Caduta dei boccioli, rapida morte dei fiori o addirittura assenza di fioritura.

 

 

Home Pianta della settimana

La Calceolaria, il fiore invernale più bello

January 11, 2014
calceolaria

La Calceolaria è il mio acquisto invernale, l’ho comprata al Lidl la prima settimana di gennaio. Esistono oltre 300 specie di Calceolaria , ma la stragrande maggioranza di quelle comunemente coltivate sono ibridi di Calceolaria crenatiflora .
Il nome di questa pianta deriva da Calceolus=pantofola, per la forma particolarissima dei suoi fiori. Anche se il portamento e le foglie sono gradevoli, è nei fiori che risiede tutta la bellezza di questa specie. E’ conosciuta anche come Pocketbook Plants o come Pouch, proprio per la forma dei fiori, che ricorda una borsa, un portamonete.
Appartenente alla famiglia delle Scrofulariacee, proveniente dall’America, questa pianta è presente dei garden e nella grande distribuzione in inverno e in primavera. Devo dire che non è la varietà più gettonata, però è abbastanza facile trovarla.
Si tratta di una pianta invernale, perchè non sopporta il caldo estivo: se la comprate, dovete garantirle un ambiente fresco e tenerla al riparo dei raggi diretti del sole. Se la piantate in giardino, devono essere coltivate in un luogo che goda di ombra parziale; va benissimo farle prendere il sole del mattino.
Le foglie della rosetta basale sono grandi, larghe, ovali e arrotondate, di colore verde uniforme; quelle dei fusti floreali sono più piccole. I fusti corti portano dei grappoli densi di fiori composti da due labbri, quello superiore, molto piccolo, e quello interno largo e arrotondato. A seconda dell’ibrido, i fiori possono essere di diversa dimensione, da 2-3 cm fino a 5-6 cm di diametro. Si possono presentare compatti, macchiettati o tigrati, in una grande varietà di colori accesi, dal giallo scuro, dall’arancione al rosso acceso.

La fioritura
La fioritura appare nel periodo dicembre-gennaio oppure aprile-maggio, ma generalmente, se la pianta si trova in un ambiente riscaldato, non dura più di due mesi. Mettetela in una posizione molto luminosa, ma mai al sole diretto. La fioritura apparirà più corta se la luce è scarsa e la temperatura elevata. Mantenere anche all’interno una temperatura fresca, tra i 15 e i 18°.

Le annaffiature
Annaffiate generosamente durante la fioritura, ma non lasciate che l’acqua ristagni nel sottovaso. Per sostenere la fioritura, ogni 8-10 giorni, aggiungete del fertilizzante ordinario. Se il terreno è secco, il fogliame si affloscia: immergete allora il vaso in un recipiente riempito di acqua in modo da imbibire il terreno.
Ricordate: mai bagnare fusto, fiori e foglie, soffre facilmente di marciume radicale.

La moltiplicazione
La riproduzione avviene per seme o per talea. Di solito è consigliata la talea, ma diciamo che non è l’esempio più semplice per iniziare a riprodurre piante attraverso questo tipo di tecnica. Per quanto riguarda la semina, è necessaria tanta luce quindi, a differenza di altre specie, è bene non coprire il semenziaio. Primavera e autunno sono i periodi giusti per la semina all’esterno, se invece volete farla crescere come pianta da appartamento, potete provare in qualsiasi momento. La germinazione richiede 5-10 giorni, ma è bene mantenere una temperatura alta lungo l’arco del periodo. Come per gli altri semi, vale anche qui la regola del terreno umido: non lasciate mai che la terra si asciughi completamente.
Le talee invece si prelevano a fine estate: assicuratevi che le punte di steli prelevate non abbiano già fiorito.