Browsing Category

Io Compro

Garden center Io Compro

Obiettivo Garden: un punto vendita di fiducia

July 16, 2013
IMG_58212

Situato alle porte di Milano Sud, in via Ripamonti, Obiettivo Garden è un punto vendita ben fornito che oltre a disporre di una zona esterna in cui le piante sono a perdita d’occhio, presenta anche un reparto interno ben strutturato e in continua evoluzione. Visitato a fine inverno, Obiettivo Garden non aveva già esposte tutte le specie primaverili: a mio avviso si tratta di un punto a favore. Molti garden al primo raggio di sole espongono piante che probabilmente non arriveranno all’estate, proprio perché le condizioni climatiche non sono ancora quelle ottimali, lontano dalla cura e dall’esperienza del punto vendita. Le piante non vanno acquistate per forza: una bella fioritura invoglia sicuramente all’acquisto, ma poi convince il consumatore che è colpa sua se non è stato in grado di far sopravvivere la pianta primaverile con temperature invernali, allontanandolo inevitabilmente da tutto il giardinaggio.

Acquisti:

Boxus

Il sogno del giardiniere inesperto è acquistare un Boxus e improvvisarsi Edward Mani di Forbice per creare delle bellissime figure di Ars Tropiaria. In realtà questa specie cresce davvero lentamente, quindi se volete prendere la forbice e fare opere artistiche, vi consiglio di comprare piante già grandi, che però sono molto costose. Altrimenti restate in attesa e nel giro di qualche anno potrete dare una sforbiciata liberatoria!

Decisamente longevo, il Bosso sopporta bene il freddo e non è una pianta pretenziosa. Le foglie fittissime lo rendono una pianta adatta a creare siepi, ma fa la sua scena anche da solo, soprattutto nella versione piccola.

Skimmia

La Skimmia è una pianta acidofila un po’ anomala, perché si adatta bene anche a terreni calcarei (non la varietà Japonica). Spesso usata per bordure o siepi, la più conosciuta è la varietà Japonica che ho acquistato io a 4,90 euro cad. Se vivete in città, potete acquistarla tranquillamente, perché è resistente all’inquinamento atmosferico. È una pianta sempreverde che in primavera produce dei piccoli fiori bianchi. Il bello di questa pianta è che, passata la fioritura e sul finire dell’estate, getta i nuovi boccioli color cremisi che andranno a fiorire l’anno successivo. Si tratta, quindi, di una specie che ha quasi sempre del colore addosso, oltre al verde. Per aiutarla, è necessario somministrare del concime per acidofile, disponibile in tutti i vivai. Provvedete anche a utilizzare del terriccio idoneo al momento della messa a dimora.

Acquisti

Acquisti

La libreria

La libreria

La serra calda

La serra calda

Obiettivo Garden

Obiettivo Garden

Io Compro Vivai

Le giovani piante Proven Winners

July 15, 2013
IMG_82152

Proven Winners è un marchio americano molto conosciuto in Europa, grazie alla qualità e varietà delle piante che produce. In Italia il marchio è presente grazie alla società Andreas Psenner di Bolzano che è membro fondatore del gruppo Proven Winners Europe, composto da nove grandi produttori di piante giovani in Europa.  Potete trovare le piante in presso alcuni garden center, per esempio a Milano sono distribuite da Botanic.
Lo slogan dell’azienda americana, fondata nel 1992, è “The #1 Plant Brand”, il marchio di piante numero 1: in effetti la società è tra i leader nel settore fiori.
Il segreto del successo sta tutto nel modo in cui vengono “create” le piantine, dai migliori ibridatori del mondo. Perché faccio questo spottone? Semplicemente perché in tre anni che compro queste piante, non ho mai avuto una delusione. Diciamo che si tratta di un “acquisto sicuro”.
Nel periodo primavera-estate sono molteplici le varietà a marchio Proven Winners: tutta la gamma dei Pelargonium, in particolare, si distinguono per la fioritura prosperosa e l’ampia scelta di colori.
Io consiglio vivamente la Sunsatia Anona, una varietà introdotta nel 2012, di colore bianco, disponibile in primavera. Ne avevo acquistate due, devo dire che nei primi giorni le basse temperature e lo spazio ristretto del vaso le facevano apparire un po’ sofferenti. Una volta rinvasate hanno iniziato una splendida fioritura.
Un’altra varietà che mi ha regalato grandi soddisfazioni è stata la Pretty Much Picasso, l’ibrido di Petunia dal cuore fucsia e bordato di verde; l’ho abbinata alla Lobularia ‘PW Snow Princess’, la bellissima varietà 2011 vincitrice di molti premi in Austria e Germania ed eletta “Pianta dell’anno 2011” da numerosi Fioricultori dell´Nord Italia.

Acquisti:

Superbells Cherry Star + Superbells Lemon Slice

Strette parenti delle petunie, le Calibrachoa regalano fiori simili, ma più piccoli, con crescita compatta. Vengono chiamate petunie nane.  Il colore vivace dei fiori insieme al portamento denso e ricadente rende la fioritura davvero spettacolare.  Abbinate il rosa vivace con venature gialle della varietà Cherry Star al giallo con venature bianche di Lemon Slice. Otterrete un vaso estivo, che fiorirà fino all’autunno.

 Pelargonium Champion Red


Pelargonium Champion Red

Sunsatia-Anona

Sunsatia-Anona

Cherry-Star-+-Lemon-Slice

Cherry-Star-+-Lemon-Slice

Raspberry Blast

Raspberry Blast

Io Compro Vivai

Cazzaniga, il vivaio da Oscar

July 15, 2013
cazzaniga2

Il Vivaio della famiglia Cazzaniga si trova a Vimodrone, nei pressi di Milano. L’azienda fu fondata da Cazzaniga Febo Giuseppe nel 1933 e fin da subito la produzione si legò a rosai e ibridazione. La ditta prosegue dal 1969 con i figli, specializzandosi in coltivazioni di Rose, Peonie, arboricoltura e piante annuali. E dagli anni ’90, con l’aiuto dei nipoti, vengono aggiunte vendita all’ingrosso e al dettaglio e soprattutto tutta la parte dedicata alla realizzazione e manutenzione dei giardini.
Se volete acquistare delle rose, fate un giro da Vivaio Cazzaniga. Non solo i proprietari sono disponibili ad aiutarvi e consigliarvi (cosa non sempre scontata), ma nel punto vendita troverete rose “famose”, vincitrici di numerosi concorsi internazionali. La famiglia Cazzaniga si è aggiudicata tre volte il primo premio del Concorso della Rosa di Monza, organizzato dall’Associazione Italiana della Rosa, con la rosa più profumata del mondo, e nel 2013 ha sbaragliato la concorrenza vincendo la categoria della Rosa più bella d’Italia, con A.I.Rosa, una floribunda di color rosa carico (scopri la rosa più bella d’Italia 2013).

Una parte del roseto

Una parte del roseto

Mimosa pudica

Mimosa pudica

Surfinie

Surfinie

Solanum

Solanum

Dipladenia

Dipladenia

 

 

Grande distribuzione Io Compro

Le piante del colosso Lidl

July 12, 2013
lidl11

Una premessa: la catena di discount Lidl non è, ovviamente, specializzata nel verde vivo. Eppure, da un po’ di tempo a questa parte, mi capita di soffermarmi nel reparto dedicato al giardinaggio. Acquisto spesso le piante di Lidl, tra un pacco di merendine e l’ammorbidente della lavatrice, inevitabilmente attratta dal prezzo, che per alcune piante arriva a dimezzarsi. Al prezzo basso, non corrisponde scarsa qualità, anzi. Sicuramente non si trovano specie rare e l’offerta è limitata e spesso ripetitiva, ma il verde vivo acquistato è in buone condizioni.
Lo scorso anno ho comprato due piante di Hydrangea a fiore blu. Nonostante sia una pianta con esigenze un po’ particolari, di terreno e di esposizione, e sebbene non l’avessi potata dopo la fioritura, l’anno successivo è fiorita abbondantemente, crescendo a dismisura.
In vendita ci sono anche vari tipi di sementi, da orto e da fiore. Il prezzo è davvero accessibile e, considerando che non sempre è garantita la germinazione (a causa delle condizioni particolari di cui necessitano alcune colture), il mio consiglio è di provare queste sementi a prezzo basso, in modo da “specializzarsi” con una spesa contenuta.

Acquisti:

Mini serre Lidl

Nel periodo primaverile, fino a estate, sono disponibili le serre già preconfezionate (1,19 euro cad.) contenenti sementi, terriccio e serra per coltivare viola, basilico, pomodoro e peperoncino. Visto che nel periodo primaverile per alcune colture è necessario avere una copertura, questo prodotto potrebbe essere una valida soluzione per avere tutto l’occorrente per tentare una semina. L’unica pecca di questo prodotto è il momento del trapianto, che risulta complesso dalla vaschetta al vaso. Se acquistate prodotti come questo, soprattutto nel caso di sementi di misura molto ridotta come le viole, ricordatevi di non calcare la mano e di lasciare un po’ di distanza tra un seme e l’altro.

Peonia

Peonia

Piante perenni

Piante perenni

Le serre Lidl

Le serre Lidl

Volantino Lidl

Volantino Lidl

Garden center Io Compro

F.lli Ingegnoli, un negozio che viene dal passato

July 12, 2013
IMG_6033

La storia della famiglia Ingegnoli ha radici molto lontane: già dal 1700 la passione per la terra fece muovere i primi passi per costruire ciò che conosciamo oggi. Ancora prima degli inizi del 1800, gli Ingegnoli iniziano a coltivare piante da frutto ed ornamentali altamente selezionate e a produrre sementi da orto, da fiore e, soprattutto, sementi per praterie. Comprendendo l’importanza del lavoro di ricerca, si avvalgono dei migliori esperti botanici italiani, per perfezionarsi nella selezione genetica e quindi nella produzione di cereali tra cui alcune specie foraggere.
Questo è il punto di partenza che decreta il successo della famiglia milanese.
Per capire l’importanza del lavoro svolto…Avete presente i kaki? Ecco, gli Ingegnoli sono stati primi a importarli in Europa, dall’allora lontanissimo Giappone.
Ai giorni nostri, F.lli Ingegnoli conserva un metodo di lavoro e dei valori che sono rimasti invariati nel tempo e che, sicuramente, contribuiscono a determinare il successo di questa azienda.
Il punto vendita di Via Salomone (fino a qualche tempo fa erano anche in via Pasubio), appare come un vero villaggio del verde. La struttura coperta (parte commerciale e serra calda) non è ampissima; eppure la conformazione del garden, con ingresso dalla serra fredda attraverso sentieri immersi nelle piante, rende la visita piacevole e permette al consumatore di dedicarsi maggiormente e con più cura al verde vivo.
Visto che è il garden center più vicino a casa mia, ci vado spesso e devo dire che ho trovato il mio addetto di vendita “di fiducia”, che mi consiglia (e sconsiglia) quali piante acquistare. La scelta è davvero ampia, anche in pieno inverno c’è sempre qualcosa di bello da acquistare. Secondo me non ha sempre prezzi abbordabili: magari si può risolvere questo “problema” acquistando piante perenni e non annuali.
F.lli Ingegnoli è famoso per le sementi: all’interno c’è un bancone ampio in cui due addetti seguono il consumatore nell’acquisto. Sementi da orto, ma anche di piante fiorite. Da loro ho comprato i semi di Nasturzio che consiglio vivamente a tutti, insieme a quelli del Lupino Russell e della Bocca di Leone. Non so dire, per ora, se sono meglio di altri: ma il fatto che siamo germinati e cresciuti mi sembra un buon punto di partenza!

Acquisti:

Semi di Nasturzio

F.lli Ingegnoli è famoso per le sementi: all’interno c’è un bancone ampio in cui due addetti seguono il consumatore nell’acquisto. Sementi da orto, ma anche di piante fiorite. È famosissimo il catalogo Ingegnoli, da sempre lo utilizza anche mio nonno per il suo orto. Da loro ho comprato i semi di Nasturzio che consiglio vivamente a tutti, insieme a quelli di Lupino Russell e della Bocca di Leone. Non so dire, per ora, se sono meglio di altri: ma il fatto che siamo germinati e cresciuti mi sembra un buon punto di partenza!

La bustina del Nasturzio contiene 20-25 semi per un totale di 1,95 euro. Una spesa davvero irrisoria, se considerate l’altissima percentuale di germinabilità (direi anche 100%): con meno di due euro e uno sforzo in più potrete avere 20 piante di nasturzio. Una singola pianta giù cresciuta la pagherete molto di più in qualsiasi fiera o punto vendita.

Sementi

Sementi

Daphne odora aureomarginata

Daphne odora aureomarginata

Helleborus Spring Promise

Helleborus Spring Promise

Fiere Io Compro

Orto Chic Milano: la terra va di moda

July 12, 2013
piante da orto

Il primo weekend della primavera 2013 ha fatto capolino a Milano un nuovo evento che già dalla prima edizione promette grandi cose. Si tratta di OrtoChic, una manifestazione che media orticoltura e moda, all’interno degli scenografici chiostri dell’Umanitaria, in via San Barnaba. La fiera milanese è stato progettato e sviluppato proprio per diffondere una nuova cultura di orto, più lontano dall’idea di mani sporche e un po’ più vicino a vocaboli come trendy, glamour e “di moda”.

Già la location di per sé aiuta: i chiostri dell’Umanitaria, per i milanesi un punto di riferimento di attività ricreative e sociali, elevano il concetto di fiera in uno più generico di visita o di passeggiata. Gli stand si fondono con l’ambiente circostante, in un susseguirsi tra interni ed esterni che rendono la visita sicuramente piacevole.

L’orto dicevamo; devo ammettere che le aspettative non sono state disilluse. Per essere la prima edizione ho riscontrato una varietà soddisfacente di piante da orto, unita però a una serie di stand dedicati alle piante fiorite che sicuramente migliorano il tutto. Non solo aromatiche, quindi, ma anche pomodori, fagiolini, lattuga, fragole e tutte le varietà su cui spingono i negozianti, già in piantine cresciute.

Acquisti:

Daphne odora Aureo Marginata

Io non ho acquistato piante per l’orto: mi sono imbattuta nello stand del Vivaio Zanelli, che ha la sua sede a Montichiari (BS). Il vivaio è specializzato in specie rare e quasi sconosciute in Italia. La loro filosofia, che io condivido a pieno, è di mettere in vendita specie che hanno già qualche anno di vita. Specie rodate, quindi, che anche se sono rare non sono difficili da coltivare. Da Vivaio Zanelli ho acquistato una Daphne odora Aureo Marginata, un arbusto sempreverde a crescita lenta, originario della Cina, che dalla fine dell’inverno fino a primavera inoltrata produce fiori a mazzetti intensamente profumati. Il vivaio offre un’ampia varietà di Helleborus, conosciuta anche come rosa di inverno proprio perché fiorisce nella stagione fredda. Spesso nei punti vendita si trovano un paio se non una sola varietà di questa specie. Zanelli insegna che ce ne sono molteplici, ognuna più bella dell’altra.

Infine, c’è un’ampissima offerta di orchidee rustiche da giardino, che finalmente resistono alle basse temperature, possono essere coltivate all’aperto e magari si ha qualche chance in più di vederle rifiorire. Le orchidee vengono messe in vendita a partire dal quinto anno di età.

piante da orto

piante da orto

Helleborus

Helleborus

Aromatiche

Aromatiche

Bouganville e limoni

Bouganvillea e limoni

Chiostro

Chiostro

Io Compro Vivai

Il mercato dei fiori

June 18, 2013
mercato fiori

Un luogo dove è possibile acquistare bellissimi fiori recisi e piante in salute, a prezzo veramente vantaggioso, è il Mercato Floricolo all’ingrosso di Milano, situato in via Cesare Lombroso, nei pressi di viale Mecenate.
Il Mercato è aperto al pubblico il martedì, il giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e il sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.00. All’interno presenta la configurazione tradizionale dei mercati all’ingrosso, con i punti vendita affiancati lungo i due lati del padiglione: questo garantisce al visitatore di poter velocemente confrontare i prezzi.
Ho comprato alcune volte al mercato floricolo, in stagioni differenti: devo ammettere che i fiori recisi sono di ottima qualità e hanno un prezzo abbordabile. Ormai i fiori recisi li acquisto solo lì, facendo molta attenzione alla provenienza e, soprattutto, al periodo stagionale. Per quanto riguarda le piante, in una delle mie ultime visite, a fine maggio, ho volutamente annotato alcuni prezzi per poi ragionarci su. Questo tipo di acquisto conviene anche perchè le piante provengono direttamente dal produttore, quindi si presentano in condizioni ottimali.

Molti rivenditori optano per la formula “a cassetta”: il vantaggio in questo caso è per chi deve rifare un’aiuola o il balcone, che quindi ha bisogno di più piante.
Ho acquistato un Hibiscus di taglia piccola a 3,50 euro, con un unico ramo: in alcuni garden center l’avrei pagato probabilmente il doppio. Sebbene l’ibisco sia tra le mie piante fiorite preferite, considerato che Milano e, soprattutto, il mio giardino umido non presentano le condizioni ottimali per far crescere un ibisco (ovviamente in vaso), ho deciso che non investirò più di 5 euro a stagione per questa pianta.

Un’osservazione: a giugno era tutto un fiorire di Bouganville. Il mio consiglio è di non acquistarle se abitate a Milano. Sono piante che non si adatteranno mai al clima della città, ed è per questo che, nonostante i garden center continuino a venderne interi bancali, non capita mai di vedere a Milano balconate rosa di Bouganville, tipo quelle che si vedono in Liguria.

Hibiscus

Hibiscus

Primavera

Primavera

Stand

Stand

Fiori recisi

Fiori recisi

Dipladenia

Dipladenia

Campanula

Campanula

Bouganville e gerani

Bouganville e gerani

Mazzo di Iris recisi

Mazzo di Iris recisi

Fiere Io Compro

La primavera di Orticola

June 18, 2013
rose orticola

Per chi abita a Milano e dintorni, Orticola è sicuramente uno degli appuntamenti primaverili più importanti, da segnare in agenda. Situato all’interno dei Giardini Indro Montanelli, nell’area in prossimità di Palazzo Dugnani, l’evento si svolge a metà maggio ed è della durata di 3 giorni. Ogni anno sono circa 30 mila le persone che visitano Orticola: va da sé che il momento migliore per girare è il venerdì, quando c’è meno gente. Ma la domenica è possibile anche fare buoni affari, prima della chiusura. Tra piccoli e grandi vivaisti, dall’Italia e dall’estero, sono oltre 150 gli espositori che prendono parte alla manifestazione: quindi, ce n’è veramente per tutti i gusti. Orticola è davvero una fonte d’ispirazione inesauribile. Per chi deve fare acquisti per il periodo primavera-estate è un’occasione per trovare specie rare, nuove e magari risparmiare un po’. Un servizio di trasporto permette di visitare la superficie della fiera senza l’ingombro delle piante, che vengono ritirate all’ingresso una volta concluso il giro.

Alcune proposte primaverili

Alcune proposte primaverili

case per uccelli

case per uccelli

lavanda

lavanda

Orchidea

Orchidea

Ninfee

Ninfee

Nasturzio

Nasturzio

digitalis purpurea

digitalis purpurea

Orchidea

Orchidea

Design Home Io Compro

Le piante anti-smog

March 9, 1990
Copyright Fotostudio GJ Vlekke/Fotovak B.V.Tel 0174-241537

Se vivete in grandi città, per esempio Milano, il tema della salubrità dell’aria è sicuramente di vostra conoscenza. All’esterno ci sono così tanti fattori inquinanti che anche solo il tragitto a piedi per raggiungere il posto di lavoro lascia segni negativi sui vestiti e addirittura sulla nostra pelle. Poter respirare aria buona è diventato un sogno anche per me, che appena posso mi ritaglio un paio d’ore fuori dai gas di scarico per respirare, finalmente, a pieni polmoni.
Il problema è che noi ci illudiamo che i veleni siano solo all’interno! Purtroppo, invece, non siamo liberi dallo smog neanche negli uffici e nelle nostre case.

Lo Spatifillio

Lo Spatifillio

Da cosa dobbiamo difenderci? Già molti anni fa la NASA ha condotto una ricerca sulla produzione di ossigeno da parte delle piante a vantaggio degli astronauti durante i loro viaggi nello spazio. Materiali da costruzione e delle plastiche presenti negli edifici, insieme alle apparecchiature elettriche e alla stessa sudorazione e respirazione delle persone: oltre alle emissioni nocive di traffico e impianti di riscaldamento, in casa e in ufficio praticamente tutto è potenzialmente tossico. Mobili, pavimenti ed elettrodomestici rilasciano vapori da solventi, formaldeidi o radiazioni elettromagnetiche. Anche i detersivi che utilizziamo per pulire lo sporco sprigionano particele allergogene. Negli uffici, inoltre, i toner di stampanti e fotocopiatrici liberano un’enorme quantità di ozono.
Occhi arrossati, mal di testa e irritazione delle vie respiratorie, o anche quel senso di mollezza e di nausea causato dalla permanenza in ambienti con scarsa areazione sono tutti i sintomi conosciuti come Sick building Syndrome, insomma una vera e propria malattia.
Per ovvie ragioni, è praticamente impossibile eliminare ogni singolo inquinante. Pensate che quando vi date una botta di vita restaurando casa, in realtà vi state facendo del male!
Che le piante producano ossigeno, questo è noto; ma tra le milioni di varietà, ce ne solo alcune molto importanti, di cui è bene circondarsi. Chi ha la passione per il verde, sceglie le piante per il portamento, magari il colore o il profumo dei fiori, o ancora per la facilità di coltivazione. Visto la scarsa salubrità dell’aria che ci circonda, diamo anche un occhio alle varietà che neutralizzano i gas nocivi, che migliorano l’umidità dell’aria e che trasformano il CO2 in ossigeno in modo più efficace.
Sto parlando, ovviamente, delle famose piante antinquinamento.
Bisogna sfatare un vecchio mito: le piante non ci rubano ossigeno nella notte. La quantità di anidride carbonica sprigionata da una pianta è pari a quella di un gattino. A meno che non abbiate una foresta in camera da letto, potete dormire sonni tranquilli!

Vediamo, nel dettaglio, alcune specie utili per eliminare l’inquinamento negli ambienti chiusi:

  • Aloe vera – Benzene
  • Bryophyllum pinnata – CO2
  • Dracaena marginata – Benzene, formaldeide e trielina
  • Ficus benjamina – Benzene, formaldeide, fumo di sigaretta
  • Hedera helix – Benzene, trielina, formaldeide, fumo di sigaretta
  • Spathiphyllum – Benzene, formaldeide, tricloroetilene
  • Pelargonium domesticum (geranio) – Benzene

La Sansevieria, come molte piante succulente, è davvero in grado di neutralizzare buona parte degli effetti dell’elettromagnetismo prodotto da pc e televisori. Utile in casa e, soprattutto, in ufficio.
Il Potos risucchia la formaldeide prodotta dalle colle usate negli arredi, l’anidride carbonica sprigionata dai fornelli mentre si cucina e molti dei veleni contenuti del fumo di sigaretta. Perfetta, quindi, anche per la cucina.
Lo Spatifillio è un vero nemico dei veleni: basta circondarsi di due o tre piante per annientare ammoniaca, formaldeide, xilene, tricloroetilene.
Ciclamino e Cristantemo sono piante che non vivono bene in casa, ma si possono utilizzare di giorno (poi di notte vanno riportare nel loro ambiente più fresco) per neuttralizzare le sostanze nocive.

Air So Pure è il nome di un gruppo di piante che svolge una forte azione depuratrice dell’aria. Nei garden center potete trovare piante marchiate Air So Pure, avrete la garanzia che sono quelle che state cercando.
Le foto di questo post sono prese proprio dalle piante distribuite da questa azienda.