All Posts By

Paola

Home

I luoghi a cui apparteniamo

April 16, 2020

…E chi se lo sarebbe mai immaginato che un giorno avremmo desiderato tantissimo non essere nella nostra casa.
Chi avrebbe mai creduto di essere “invitato” a stravolgere la propria quotidianità, la propria vita, da un giorno con l’altro, lasciando il mondo fuori dalle mura. Per poi ritrovarlo, chissà dopo quanto, inevitabilmente diverso.
Penso spesso a cosa si leggerà sui libri di scuola, a come racconteremo ai nostri figli questa pandemia, quello che è successo e quello che ha rotto nel nostro modo di vivere.
Ma la prima cosa che ho pensato, ancora prima della gravità della situazione – di quella, mea culpa, me ne sono resa conto alcuni giorni dopo – è stata: ma io non voglio stare chiusa in casa.
Se proprio devo stringermi tra le mura, vorrei farlo con tanti affetti, con la serenità della vicinanza e, soprattutto, nel luogo che, più di tutti sento di appartenere. Perchè questa pandemia insegna tante cose, di cui avremo modo di parlare, ma la prima è sicuramente che noi umani non possediamo davvero nulla, nemmeno i luoghi. Sono i luoghi che, semmai, decidono che noi apparteniamo a loro.

brondoleto

Questo è “un pezzo” della fattoria di mio nonno. Il luogo che mi fa respirare. Che io critico tanto chi, quel famoso sabato, è corso alla stazione per scappare verso gli affetti. Ma io avrei fatto lo stesso, magari in macchina! Che se sai che non vedrai più nessuno per due mesi, rifletti su quali sono gli abbracci che ami di più. Che se sai che vedrai il mondo solo da un vetro, scegli bene su cosa posizionare la finestra.

finestra_brondoleto

Design

Una “casa” da sogno per i vasi Elho

May 9, 2016
elho_exterior

7

 

Lo scorso autunno ho avuto il privilegio di visitare Villa Pax,un luogo ricco di storia e di ricordi, grazie alla signora Enrica che mi ha ospitato e mi ha raccontato la sua storia. Alla fine, il mio intento di fotografare si è mescolato alle vicende e all’atmosfera della villa.
Il principio. Nel  1902 vennero  commissionati all’eclettico Lodovico Pogliaghi  (autore della monumentale porta del Duomo di Milano) il  progetto e la costruzione di una Villa nella frazione di Santa Maria del Monte di Varese, sulle pendici del Campo dei Fiori (Parco Regionale e sito UNESCO) a 800 metri di altezza. Il committente era Silvio Macchi, politico varesino che individuò nel tranquillo borgo di Santa Maria del Monte il luogo in cui trasferire la sua dimora. Questa scelta fu dettata dalla necessità di assicurare alla moglie Emma Zonda, malata di tubercolosi, la costante presenza di luce e aria fresca. Per questo motivo Pogliaghi orientò l’edificio a mezzogiorno e, grazie alla progettazione di ampie vetrate in stile liberty, riservò una veduta privilegiata direttamente sul parco a terrazze digradanti sul Lago di Varese. L’artista curò personalmente anche tutti gli arredi e le boiseries in noce che, nel gusto eclettico dell’epoca, recano tra i loro ornati floreali, in perfetto stile barocco, il motto “PAX”, nome che ancora oggi caratterizza la villa per la sua particolare ubicazione.

elho_interior

In questa villa ho avuto la fortuna di fotografare alcuni vasi della collezione Elho. L’azienda olandese, leader in Europa nella produzione di vasi in plastica, si impone da oltre 50 anni per la qualità e il design dei suoi pezzi, particolarmente adatti a uno stile abitativo moderno.
È con Elho che i vasi hanno iniziato ad avere il ruolo di veri e propri “arredi per la casa”, con un prezzo accessibile e uno stile eccellente e inconfondibile.
All’interno dell’abitazione ho scelto di fotografare Brussels Diamond Oval: perfetto per davanzali interni, questo vaso ha un diametro ovale, che permette di contenere più piante. Grazie alle tre altezze di contenitore disponibili (10cm, 13cm, 17cm), è possibile creare movimento e spezzare il rigore della composizione. Le piante scelte, un po’ per la stagione, ma soprattutto perchè il loro colore era troppo bello da abbinare con i vasi, l’Erica.

Torniamo alla storia della signora Enrica… Dalla sua costruzione, la villa è rimasta intatta, nell’arredamento, nella struttura esterna, e soprattutto, nel significato intimo. Se mai avrete la fortuna di visitarla, potrete immergervi nella stessa atmosfera che si respira nella dimora del Pogliaghi, oggi aperta al pubblico come museo. Dagli anni ’70 la signora Enrica è diventata proprietaria della villa. Da parte sua e di suo marito è stato un colpo di fulmine, visto che decisero di acquistarla nel tempo di un tramonto.

elho_b.for_soft_air

Una parte della casa presenta una suite completamente affrescata, nei soffitti e nelle pareti, con una doccia molto scenografica incastonata nella roccia. Qui ho fotografato la collezione B.For Soft Air di Elho: una linea dai colori pastello, tra i quali ho scelto magical green, chalk yellow e vintage blue. Perfetta per uno stile moderno, crea un forte contrasto con l’architettura e gli arredi del ’900. Il vaso pensile aggiunge, ovviamente, un tocco di verde nei luoghi più impensati: grazie alla corda regolabile è possibile creare movimento nella composizione. Per questi vasi ho scelto la Vinca minor: l’ideale, è scegliere una pianta con portamento ricadente, per sfruttare al meglio i tre angoli forati, da cui far scendere la vegetazione.

elho_interior2

La villa della signora Enrica è circondata da un parco di circa 10.000 metri quadrati, progettato secondo i canoni del  giardino all’italiana.  Il parco curatissimo si sviluppa in discesa lungo un grande viale fiancheggiato da sequoie, cedri del Libano e pini secolari. Anche nel parco, la mano del Pogliaghi, che aveva rappresentato le quattro stagioni per mezzo di quattro statue seicentesche.

elho_exterior

Per l’esterno ho scelto la collezione Corsica Wall Basket di Elho. Avevo già parlato di un vaso della collezione, il bellissimo Corsica Bird Garden, che unisce il contenitore per le piante ad una casetta per uccelli, adatto alle esigenze dei volatili ed esteticamente molto gradevole.
Tornando alla collezione Corsica, il Wall Basket è dotato di fori, adatto quindi ad essere appeso alle pareti del terrazzo o della casa. Per ovvie ragioni, li ho fotografati in una versione “da terra”, sui davanzali e in quella che la signora Enrica chiama “terrazza nel giardino”. Come pianta, un must: le viole, facili da coltivare, con fioriture generose e potenzialmente “infinite”, vista la facilità con cui si recuperano i semi per la stagione successiva.

violet_elho

 La storia non finisce qui… Oggi la signora Enrica, impegnata in mille avventure in giro per il mondo, ha messo in vendita questo paradiso di storia e architettura. Per chi volesse, una prima e ultima volta, dormire in un posto da sogno…basta cercare Villa Pax, vicino a Varese. Il link non ve lo metto, è un luogo che merita di essere cercato :)

 

 

 

 

 

 

 

Design Home

Come realizzare un Glow Jar

July 2, 2015
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Tradotto in italiano, Glowing Jar significa Barattolo Luminoso. Per realizzarlo, servono contenitori di vetro, pittura che si illumina al buio e molta, molta fantasia. Con la pittura, direttamente sulla superficie, potete realizzare qualsiasi forma e disegno, quindi largo alla creatività! Quello del Glowing Jar è un tutorial molto semplice, che anche i meno esperti possono realizzare: il risultato abbellirà la vostra casa di giorno e creerà un’atmosfera molto suggestiva di notte! Vediamo quindi insieme come realizzare questi vasetti fosforescenti!

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prepara tutti i materiali per realizzare un Glowing Jar. Facile trovare in commercio il colore giallo fosforescente, un po’ più difficile trovare tutti gli altri colori. Puoiriutilizzare i vecchi vasetti della marmellata oppure acquistarne di nuovi. Lava bene i vasetti e lasciali asciugare a testa in giù.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I colori fosforescenti potete acquistarli direttamente qui

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta che i vasetti saranno asciutti, inizia a disegnare direttamente sul vetro realizzando puntini di colore uno accanto all’altro, a mano libera o seguendo un motivo specifico. Puoi aggiungere più colore, facendo dei punti più grandi che al buio saranno ancora più luminosi.

3_puntini2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia asciugare almeno una notte, per evitare di mettere le mani sulla pittura rovinando il disegno involontariamente. I tuoi Glow Jar sono pronti! Puoi utilizzarli per decorare gli ambienti interni oppure puoi posizionarli in giardino in occasione di una festa estiva, o ancora utilizzarli di giorno come centrotavola creativo.

giorno-notte1

 

 

 

 

 

 

 

 

Insomma, i glow jar sono complementi d’arredo facili da realizzare che di giorno regalano colore e di notte donano un’atmosfera più calda alla casa.

Provateli!

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Design Home

Come realizzare un Terrarium

June 19, 2015
SAMSUNG CAMERA PICTURES

Il tutorial video per realizzare un Terrarium lo potete trovare sul canale YouTube di Mangialafoglia!
Clicca qui!

3terrarium

Realizzare un Terrarium è molto semplice e gratificante: è un progetto green che possono realizzare anche i pollici più neri.
Per chi non lo sapesse, il Terrarium nasce a Londra ai primi dell’800, grazie all’intuito del Nathaniel Bagshaw Ward, un dottore esperto di botanica che studiò per anni il comportamento delle piante e che tentò in vari modi di portare dall’Australia alcune specie alloctone. Dopo vari tentativi falliti, il dottore si specializzò in entomologia e durante uno dei suoi test, notò come in una teca di vetro fossero sopravvissute delle spore vegetali. Questa piccola grande conquista fu perfezionata, fino al 1833, anno in cui ci fu il primo grande viaggio da Sidney di specie vegetali, che nonostante un lunghissimo viaggio in condizioni estreme riuscirono a sopravvivere proprio grazie alle condizioni createsi all’interno dei contenitori di vetro chiusi nei quali erano state collocate.
La prima versione di Terrarium riscosse grande successo, al punto che divenne un’icona di stile per gli aristocratici dell’Inghilterra vittoriana.
Il Wardian Case è il precursore del moderno Terrarium, leggermente modificato e ampiamente diffuso tra gli appassionati di verde. E’ stato anche l’ispiratore dell’acquario per pesci, come oggi lo conosciamo.
Per realizzare il nostro Terrarium abbiamo bisogno di alcuni ingredienti:

  • piante succulente
  • contenitori in vetro
  • terriccio
  • carbone attivo
  • sassi
  • sabbia
  • cucchiaio
  • pinza
  • elementi decorativi

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Vediamo nello specifico alcuni consigli che possono esservi utili nel reperimento dell’occorrente:
Carbone vegetale - Rimedio naturale contro la cattiva digestione, è venduto in compresse in farmacia. Ha un elevato potere adsorbente, per questo è utilizzato come prima cura per un avvelenamento. Il carbone vegetale (o attivo) viene utilizzato anche negli acquari e nei terrari chiusi, dove mantiene l’ambiente sano, filtrando l’aria e mantenendola più fresca.

Piante - Le classiche piante da terrario sono: le felci, i muschi e succulente. E’ bene scegliere piante che rimangano piccole e che siano simili tra loro. Le migliori sono quelle che prediligono l’ombra e che tollerano bassi livelli di illuminazione. Scegliere piante che ben sopportano l’umidità, scartare quindi quelle tipicamente mediterranee.

Terriccio – Meglio utilizzare quello specifico per cactacee.

Contenitori in vetro – Sbizzarritevi con forme e grandezze diverse, a seconda del vostro gusto estetico. Cosa varia da un terrario chiuso a uno aperto? Quello chiuso necessita un ricambio d’aria ogni tanto e in essere è necessario mettere il carbone attivo.

Pietre – Acquistate le pietre decorative che più vi piacciono, insieme agli altri elementi decorativi. Sul fondo verranno posizionate altre pietre, potete acquistarle o utilizzare semplici sassi.

 

ingredientisingoli

Pronti? Via!

 

3_sassi sul fondo

 

4_Carboneattivo

 

5_aggiungere terriccio

9_sabbia

 

10_pinza

 

11_decorazione

Attenzione, consigli pratici!!

CONSIGLI PRATICI

Luce - Il vetro amplifica la luce, quindi il terrario non deve essere collocato alla luce diretta del sole. Funziona come l’acqua, che letteralmente brucia le foglie delle piante. Qualsiasi pianta decidiate di usare, dovete tenere conto che non riceverà mai la luce diretta, quindi è bene scegliere varietà che prediligono zone ombrose.
Temperatura - Evitare temperature eccessive e sbalzi improvvisi. Quindi collocare il terrarium nell’ambiente domestico, non sul balcone, nemmeno nel sottoscala.
Varietà - Mai inserire felci con succulente: hanno necessità diverse e si contenderebbero lo spazio.

 

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

 

Design Home Progetti

Come realizzare un kokedama

May 20, 2015
kokedama

 

Guarda il video del Kokedama su Youtube!

Clicca qui

 

“Kokedama” è un termine giapponese che significa “palla di muschio”: è una tecnica che prevede l’inserimento di una pianta all’interno di una palla di terriccio e argillaa sua volta ricoperta di muschio. Ma non solo: il Kokedama è un complemento d’arredo molto scenografico e facile da realizzare, una perla di verde che può essereappesa o sostituita ai tradizionali vasi.
Il Kokedama rappresenta inoltre un’utile soluzione per chi ha poco spazio in casa ma non vuole rinunciare a circondarsi di verde.
Il protagonista del Kokedama è il muschio, che si può trovare nei garden center o dal fioraio. Attenzione a raccoglierlo in giro, perché è vietato!

Avrete bisogno di:

  • Muschio
  • Terriccio per bonsai
  • Akadama (terriccio argilloso)
  • Forbici
  • Acqua
  • Spago
  • Una pianta

SAMSUNG CAMERA PICTURES

 

tutorial kokedama

Home News Progetti

Con Tetra, per muovere i primi passi nell’acquariologia

January 19, 2015
TETRA_2

Tetra, marchio del gruppo internazionale Spectrum Brands, presenta la soluzione ideale per chi vuole muovere i primi passi nel mondo dell’acquariologia: l’acquario Cascade Globe. Dal design moderno e dal giusto rapporto qualità/prezzo, la Cascade Globe si presenta come una boccia in vetro con capacità 6,8 litri, semplice da allestire e da mantenere grazie alle cartucce filtranti sostituibili. Ideale per eleganti Betta Splendes o pesci rossi, questa tipologia di acquario ha un sistema completo di filtraggio ed è caratterizzata da luci LED che permettono un risparmio energetico notevole creando un gioco di colori che rende la Cascade Globe un oggetto di design che si discosta dai classici acquari a forma squadrata creando una piacevole atmosfera all’interno della propria abitazione. Grazie alla Cascade Globe tutti possono facilmente mantenere un perfetto mondo acquatico nel proprio angolo domestico. Ci sono infatti pochi e semplici passi da seguire per garantire l’habitat ideale ai piccoli pesci. Basta sostituire la cartuccia filtrante Tetra ogni quattro settimane, alimentarli solo con mangimi di alta qualità per garantire una crescita sana e utilizzare un biocondizionatore appropriato per trattare l’acqua.

Home News

Parrot: il giardiniere ancora più smart

January 18, 2015
pot_parrot2

Il fenomeno dell’Internet of Things legato al mondo del verde prevede un forte consolidamento nel 2015, grazie al lancio di due nuovi device che faranno impazzire tutti gli appassionati di giardinaggio e tecnologia. All’edizione 2015 di CES di Las Vegas, l’azienda francese Parrot ha fatto parlare di sé, grazie anche ai sistemi integrati Pot e H2O.
Lo scorso anno Parrot aveva presentato Flower Power, il sensore che permette di monitorare lo stato di salute delle piante, grazie al monitoraggio dei paH2O_Parrotrametri fondamentali di vita del vegetale. Per il 2015 la società specializzata in droni presenta due dispositivi che aggiungono alla funzione di analisi dei valori della pianta, anche le funzioni di irrigazione automatica, con due modalità differenti.
Pot è un vaso con serbatoio da 2,2 litri che dosa l’acqua secondo i modi e i tempi adeguati alla specie vegetale. Quando l’acqua finisce, si attiva la modalità sopravvivenza, che mantiene il terreno umido in attesa che il giardiniere sbadato si ricordi di annaffiare. Il secondo, che si chiama H2O ha una funzione simile, l’irrigazione, ma si presenta sotto forma di beccuccio che trasforma le normali bottiglie di plastica in serbatoi smart. Entrambi i prodotti Parrot sono provvisti di sensori che monitorano i valori principali della pianta: umidità, quantità di fertilizzante, temperatura ed esposizione solare. I dati immagazzinati vengono poi trasferiti su smartphone e tablet tramite un’app dedicata e studiati dagli algoritmi di Parrot. Le notifiche dell’app consentiranno, quindi, di intervenire al momento giusto, quando la nostra pianta ha bisogno di acqua, quando riceve poco sole, etc.

 

 

Home Progetti

Le piante e la luce: le regole d’oro

May 28, 2014
calceolaria luce2

La luce è il secondo alimento della pianta, dopo l’acqua, e anche il secondo grande interrogativo dei giardinieri poco esperti. Come per le annaffiature, anche per l’illuminazione le piante differiscono tra loro per esigenze, ma esistono due regole di base che è bene seguire e da cui partire per imparare cose più difficili. A prescindere dalla specie, tutte le piante necessitano di molta luminosità. Il sole diretto in molti casi è la causa primaria della morte di una pianta. Partendo da queste due affermazioni, da tenere sempre a mente, vediamo nella pratica come “funziona” la luce sulle piante. Sotto potete vedere la differenza tra due piante che hanno preso luce diversa. Questi due esemplari di Calceolaria sono stati acquistati insieme, nello stesso posto, lo stesso giorno. Li ho annaffiati ugualmente. L’unica differenza è che uno l’ho messo sulla scrivania a lavoro, in prossimità di una finestra esposta a est, mentre l’altro l’ho lasciato a casa mia, un appartamento a piano terra che di giorno rimane totalmente al buio. Molto chiaramente potete vedere come hanno reagito le piante: quella al buio ha perso il colore delle foglie, che si sono man mano seccate. E’ inoltre cresciuta in altezza, ma non uniformemente, proprio perchè era alla ricerca della luce.

luce_piante

Le regole d’oro
Le piante da interno non devono essere esposte alla luce diretta del sole. Anche se hanno bisogno di molte ore di luce, fate attenzione a distanziarle dalla finestra quel tanto necessario.
Le foglie variegate, nei toni crema e verde, necessitano di più luce rispetto a quelle che hanno la foglia completamente verde.
Una buona esposizione alla luce favorisce la fioritura.
Piante come la Peperomia o l’Hedera, che tollerano ambienti poco luminosi, vanno comunque spostate in un luogo luminoso ogni due o tre settimane.
Anche l’arredamento della casa è importante: se la luce si riflette in un fondo bianco, permetterà a tutta la pianta di crescere in modo uniforme
La pianta necessita di quantità diverse di luce a seconda delle fase: nella fase di crescita richiedono una luce molto intensa per un maggior numero di ore rispetto al periodo di riposo.

Troppa luce
Quando le piante ricevono troppa luce, soprattutto a partire da metà primavera, le foglie iniziano a presentare delle vere e proprie bruciature. Prima compaiono macchie bianche; poi marroni e secche. L’eccesso di luce, anche se non diretto, causa danni ugualmente gravi quanto un’illuminazione inadeguata. E’ bene, quindi, verificare sempre, a partire dalle foglie, se la nostra pianta è nella posizione giusta, in ogni stagione.
Caratteristiche:

  • Scoloritura delle foglie
  • Inclinazione delle foglie in direzione opposta rispetto alla fonte di luce
  • Foglie nuove più piccole del normale
  • Aspetto avvizzito durante le ore più calde del giorno
  • Foglie tristi e senza vita
  • Foglie vecchie con bordi marroni e bruciati

Troppo buio
Imparare a capire se una pianta sta soffrendo per l’oscurità non è così difficile. Cresce molto in altezza, ma debolmente, perchè sta cercando la luce. Il colore inizia a scomparire, le foglie diventano giallognole.
Caratteristiche:

  • Foglie e steli allungati e privi di colore
  • Crescita eccessiva e disordinata
  • Foglie nuove più piccole, pallide e giallognole
  • Caduta delle foglie inferiori e delle nuove
  • Crescita nulla durante l’estate
  • Caduta dei boccioli, rapida morte dei fiori o addirittura assenza di fioritura.

 

 

Home Pianta della settimana

La rosa: impariamo a coltivarla

May 27, 2014
rosa33

Le prime testimonianze di coltivazione della rosa riportano ai sumeri, oltre 5.000 anni fa. Negli ultimi 300-400 anni l’interesse per questo fiore ha avuto una straordinaria accelerazione, soprattutto a partire dalla fine del Settecento e per tutto l’Ottocento, quando il lavoro di ibridazione, nato per merito di olandesi e francesi nel XVI secolo, si è fatto quasi frenetico. Negli ultimi 150 anni sono state create più di 10.000 cultivar di rose e attualmente se ne coltivano circa 3.000 selezionate tra le più belle, le più profumate, le più adattabili.
Il confine tra rose antiche e moderne è sfumato. Potremmo indicare come data il 1867, anno della nascita del primo ibrido di Tea, ma in realtà più che sulla cronologia, la distinzione tra le due grandi classi è basata su caratteristiche quali portamento, rifiorenza, colore, robustezza e forma dei fiori.
Le rose sono tradizionalmente suddivise in classi o gruppi di varietà con caratteristiche comuni. Alcune classi sono antiche, mentre altre sono il risultato di attività di ibridazione dell’uomo. In generale, si considerano tre grandi gruppi di rose: Specie (rose selvatiche) e relativi ibridi, rose antiche e rose moderne.

  • Le rose selvatiche sono in genere grandi rampicanti o rose arbustive a fiore singolo e piatto, che fiorisce in tarda primavera o inizio estate, seguito da un abbondante produzione di bacche.
  • Le rose antiche sono caratterizzate dai forti profumi che le contraddistinguono rispetto agli ibridi moderni. Hanno una sola fioritura all’anno e questa avviene anticipatamente rispetto alle rose moderne. In autunno, le rose antiche assumono colori variegati sia nel fogliame sia nelle bacche. Sono generalmente piante resistenti e di dimensioni piuttosto grandi.
  • Le rose moderne sono le più numerose, quelle che si regalano in mazzi dai lunghi steli, riconoscibili per il classico bocciolo conico e turbinato, e per la loro rifiorenza. Ne esistono varietà a grande fiore, che portano singoli fiori vistosi, o varietà floribunde,  cioè ricche di grandi mazzi di fiori più piccoli e aperti.

Rose Tea Sempre nell’Ottocento e sempre discendenti da genitori cinesi, si affermarono in Europa rose di grande raffinatezza, dai fiori morbidi e delicati come la seta, caratterizzate da toni pastello e da un profumo dal forte aroma di thè. Probabilmente è per questo che vennero chiamate Tea. Oppure anche perché venivano trasportate sui vascelli delle Indie Orientali insieme ai carichi di thè. Sono rose molto delicate che temono il freddo, per cui si sono sviluppate maggiormente e ad oggi si trovano sono nelle zone temperate d’Europa.

Come scegliere?
La scelta della rosa giusta da mettere in giardino o in casa richiede alcune considerazioni e valutazioni, a causa dell’elevato numero di varietà e cultivar, diverse per forma, dimensioni, colore e fioritura. Con centinaia di tipi di rose a disposizione, la scelta è vasta. I fattori da tenere in considerazione sono molti:
- Le rose si sviluppano bene al sole, quindi scegliere una zona ben esposta dove coltivarle.
- Considerare lo spazio a disposizione: se è limitato, si possono scegliere varietà nane o in miniatura.
- Con spazi più ampi, si possono scegliere varietà a cespuglio, che creeranno una larga fascia di colore quando in fiore.
- Alcune varietà di rose a cespuglio sono l’ideale per creare siepi piene di colore, altre varietà rampicanti sono l’ideale per crescere su pergolati. Considerare le dimensioni adatte per lo spazio a disposizione nel giardino e il colore che si desidera ottenere.

IMG_9676

 

La cura della rosa
Temperatura – In genere le rose hanno una buona resistenza sia alle basse sia alle alte temperature. Sono in grado di affrontare i rigori dell’inverno con una adeguata pacciamatura al piede della pianta. Nel periodo di fioritura, i valori ideali sono compresi tra 12° e 25°. Se durante il periodo vegetativo le temperature si mantengono più basse, le rose produrranno i cosiddetti “rami ciechi”, ovvero privi di gemme a fiore. Se invece le temperature andranno oltre i 25°, i fiori probabilmente saranno più piccoli e pallidi. In presenza di estati torride, le rose potrebbero addirittura sospendere l’attività vegetativa, per cui sarebbe inutile, se non dannoso, insistere con irrigazioni, concimazioni e potature nel tentativo di stimolarle. La pacciamatura alla base serve, in estate, per evitare il surriscaldamento dell’apparato radicale, fattore che in molti casi provoca l’arresto della fioritura. Utilizzare corteccia, lapillo vulcanico o argilla, serve a trattenere l’umidità dell’apparato radicale, mantenendo fresca la base e impedendo alle erbe infestanti di crescere.
Esposizione – Le rose amano le posizioni soleggiate, addirittura alcune vogliono 6 ore di sole al giorno. Ovviamente le ore migliori sono quelle del mattino, più dolci e meno calde. Le rose tollerano anche l’ombra leggera, ma non totale: in questo casi, se sopravvivono, sviluppano molta vegetazione senza mai arrivare a fiorire.
Annaffiature – La quantità di acqua richiesta dalle rose è strettamente dipendente dalla stagione e dall’andamento termico e delle precipitazioni. In generale, le rose non necessitano di molta acqua, e le innaffiature possono mantenersi su frequenze bisettimanali. Quando fa molto caldo le innaffiature vanno incrementate fino a tre o quattro volte alla settimana, soprattutto se il terreno tende a drenare efficientemente. Come capita a molte piante, anche le rose non gradiscono acqua su foglie, fusti e fiori, perché si sviluppano molto facilmente le malattie fungine.
Aerazione – Importantissima è la buona ventilazione. Se decidete di mettere la vostra rosa in un angolo del giardino o del terrazzo protetto dal vento, dovete accertarvi che sia comunque dotato di una buona circolazione dell’aria. I ristagni di aria umida possono causare le malattie crittogamiche. Per lo stesso motivo, quando affianchiamo una rosa a un’altra, dobbiamo fare in modo che abbiano il loro spazio vitale, che equivale a circa 2/3 dell’altezza della pianta.
Terreno – Le rose prediligono terreni argillosi, ricchi di sostanze nutritive e ben drenati. Nessuna specie e varietà di rose, infatti, tollera i ristagni idrici, causa primaria di asfissia radicale e possibili marciumi. Nel caso il terreno non fosse sufficientemente drenato, è possibile migliorarne le caratteristiche utilizzando ghiaia, argilla espansa o sabbia per aumentarne la porosità. Il valore ottimale di pH è 6.5- 7, quindi le rose prediligono terreni leggermente acidi o neutri.
Per scoprire che tipo di terreno avete, basta munirsi di cartine al tornasole, apposite strisce di carta imbevute di un colorante vegetale che cambia colore a seconda del grado di acidità del substrato con cui viene a contatto.
Concimazione – La concimazione delle rose è indispensabile per supportare la crescita e la fioritura. La fertilizzazione dovrebbe basarsi su prodotti granulari a lento rilascio che forniscano azoto, fosforo, potassio e microelementi, da somministrare in seguito alla potatura invernale. Questa concimazione può essere ripetuta ogni 2-3 settimane a seconda della rosa, durante l’intera stagione vegetativa.

L’acquisto di rose in pack
Alcuni consigli per valutare le rose a radice nuda, vendute in pack di cartone:
1) assicuratevi che l’apparato radicale sia sano e ben sviluppato, con poche radici principali grosse e molte radici secondarie sottili: le prime servono per ancorare la pianta al suolo, mentre le seconde svolgono il compito di assorbimento dei nutrienti.
2) I rami, distribuiti in modo regolare e ben bilanciato, devono essere verdi, non raggrinziti né graffiati, né rotti o spezzati.
3) Le gemme devono essere dormienti, cioè non devono essere presenti germogli allungati e pallidi, che probabilmente moriranno subito dopo l’impianto.
4) Almeno due steli devono avere diametro superiore al mezzo centimetro
5) Le rose rampicanti devono avere due steli con una lunghezza superiore a 30 centimetri.

La potatura
Come per la maggior parte delle piante, esistono delle regole ben precise per potare. Il solo problema è che sono molto diverse le une dalle altre e la sfida consiste nel capire quali regole siano quelle giuste per quel particolare tipo di rosa e per la conformazione che si vuole ottenere.
Riguardo al rapporto potatura/fioritura vale la regola:
maggiore potatura = fiori più grandi
minore potatura = maggior numero di fiori ma più piccoli
L’intensità della potatura varia in funzione del tipo di rosa. La rosa “Floribunda” richiede solo potature leggere per fiorire; l’ibrido Tea, che produce fiori grandi, richiede invece potature vigorose per ottenere una fioritura vistosa.
POTATURA INVERNALE DELLE ROSE – In generale, tutte le rose vanno potate in tardo inverno, quando la caduta delle foglie è completata e non è ancora iniziata l’emissione dei nuovi germogli. Le piante giovani devono essere potate con grande attenzione e i tagli devono essere meno vigorosi, lasciando un numero sufficiente di steli e gemme necessario allo sviluppo della giovane pianta. In genere si lasciano 4-8 steli, un numero inferiore nelle piante più vigorose.  Evitate di tagliare le gemme più robuste, localizzate a metà stelo e, vicine alle foglie più lussureggianti. Per riuscire ad avere uno sviluppo corretto ed esteticamente gradevole, lasciate le gemme rivolte verso l’esterno della pianta. Di solito, queste gemme producono i fiori più grandi e appariscenti.  Ogni pianta ha rami vecchi e giovani, scegliere quelli che danno alla pianta la forma migliore e asportare i rimanenti, soprattutto i più vecchi. Sui rami più vecchi, lasciare sempre un germoglio laterale e accorciare quelli nuovi cresciuti in estate.
POTATURA ESTIVA DELLE ROSE – La potatura estiva delle rose consiste nel rimuovere i fiori appassiti dopo la prima fioritura. E’ necessario asportarli prima che si formino i frutti (cinorrodi), che indeboliscono la pianta e impediscono la formazione di una eventuale seconda fioritura stagionale. In base alla varietà, dopo una prima fioritura e una volta asportati i fiori appassiti, la pianta fiorirà nuovamente dopo circa 6-10 settimane. La potatura estiva, utile a far rifiorire la pianta, può essere ripetuta più volte, fino a circa sei settimane prima dell’arrivo dei primi geli invernali.

Sintomi di sofferenza
Quando le nostre rose sono carenti di qualche nutrimento, possiamo facilmente riconoscerlo dal manifestarsi di alcuni segni evidenti:
azoto – le foglie, piccole e ingiallite, talvolta con macchioline rosse, cadono con l’arrivo dell’autunno. La pianta cresce poco
fosforo – le foglie hanno una colorazione verde-bluastra opaca, con macchie rossastre sulla parte inferiore. I getti sono deboli
potassio – le foglie diventano rosso-brune lungo i bordi e in corrispondenza delle nervature. I fiori sono piccoli.
ferro – se la carenza è grave, si ha la morte del tessuto fogliare, se è lieve le foglie si scolorano, ingiallendo. Può essere causata da un eccesso di calcare nel terreno.
magnesio – le foglie adulte ingialliscono in corrispondenza delle nervature, quindi diventano scure e cadono. I nuovi getti stentano a spuntare.
Rame – il colore delle foglie schiarisce e gli apici seccano, Può essere causata da un eccesso di fosforo.

rosa

Uncategorized

Privacy Policy

May 3, 2014

Privacy Policy di www.mangialafoglia.it

Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Titolare del Trattamento dei Dati

Paola Tamborini,
mattemove@yahoo.it

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, Nome, Cognome, Numero di Telefono, Indirizzo, Email, Password, CAP, Città, Sesso, Data di Nascita, Username, Ragione sociale, Codice Fiscale, Partita IVA, Professione, Numero di Fax, Nazione, Stato, Provincia, Social Security number (SSN) e Sede di lavoro.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall’Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l’uso di questa Applicazione.
L’eventuale utilizzo di Cookie – o di altri strumenti di tracciamento – da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l’Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all’erogazione del servizio richiesto dall’Utente.
Il mancato conferimento da parte dell’Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.

L’Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità di trattamento

Il Titolare tratta i Dati Personali degli Utenti adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire l’accesso, la divulgazione, la modifica o la distruzione non autorizzate dei Dati Personali.
Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate. Oltre al Titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai Dati categorie di incaricati coinvolti nell’organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione) nominati anche, se necessario, Responsabili del Trattamento da parte del Titolare. L’elenco aggiornato dei Responsabili potrà sempre essere richiesto al Titolare del Trattamento.

Luogo

I Dati sono trattati presso le sedi operative del Titolare ed in ogni altro luogo in cui le parti coinvolte nel trattamento siano localizzate. Per ulteriori informazioni, contatta il Titolare.

Tempi

I Dati sono trattati per il tempo necessario allo svolgimento del servizio richiesto dall’Utente, o richiesto dalle finalità descritte in questo documento, e l’Utente può sempre chiedere l’interruzione del Trattamento o la cancellazione dei Dati.

Finalità del Trattamento dei Dati raccolti

I Dati dell’Utente sono raccolti per consentire al Titolare di fornire i propri servizi, così come per le seguenti finalità: Commento dei contenuti, Interazione con social network e piattaforme esterne, Registrazione ed autenticazione e Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne.

Le tipologie di Dati Personali utilizzati per ciascuna finalità sono indicati nelle sezioni specifiche di questo documento.

 

Permessi Facebook richiesti da questa Applicazione

Questa Applicazione può richiedere alcuni permessi Facebook che le consentono di eseguire azioni con l’account Facebook dell’Utente e di raccogliere informazioni, inclusi Dati Personali, da esso.

Per maggiorni informazioni sui permessi che seguono, fai riferimento alla documentazione dei permessi Facebook ed allaprivacy policy di Facebook.

I permessi richiesti sono i seguenti:

Informazioni di base

Le informazioni di base dell’Utente registrato su Facebook che normalmente includono i seguenti Dati: id, nome, immagine, genere e lingua di localizzazione ed, in alcuni casi gli “Amici” di Facebook. Se l’Utente ha reso disponibili pubblicamente Dati ulteriori, gli stessi saranno disponibili.

Accesso alle attività

Fornisce accesso alla lista di attività dell’utente

Accesso alle liste di amici

Fornisce accesso alle liste di amici che l’utente ha creato

Aggiornamento di stato

Aggiorna lo stato dell’utente.

Email

Fornisce accesso all’indirizzo email primario dell’utente

Dettagli sul trattamento dei Dati Personali

I Dati Personali sono raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i seguenti servizi:

  • Accesso agli account su servizi terzi
    Questi servizi permettono a questa Applicazione di prelevare Dati dai tuoi account su servizi terzi ed eseguire azioni con essi.
    Questi servizi non sono attivati automaticamente, ma richiedono l’espressa autorizzazione dell’Utente.
    Accesso all’account Facebook (Questa Applicazione)
    Questo servizio permette a questa Applicazione di connettersi con l’account dell’Utente sul social network Facebook, fornito da Facebook, Inc.
    Permessi richiesti: Accesso alle attività, Accesso alle liste di amici, Aggiornamento di stato e Email.
    Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy
    Questi servizi permettono a questa Applicazione di prelevare Dati dai tuoi account su servizi terzi ed eseguire azioni con essi.
    Questi servizi non sono attivati automaticamente, ma richiedono l’espressa autorizzazione dell’Utente.
    Accesso all’account Twitter (Twitter, Inc.)
    Questo servizio permette a questa Applicazione di connettersi con l’account dell’Utente sul social network Twitter, fornito da Twitter, Inc.
    Dati personali raccolti: Varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.
    Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy
  • Contattare l’Utente
    Modulo di contatto (Questa Applicazione)
    L’Utente, compilando con i propri Dati il modulo di contatto, acconsente al loro utilizzo per rispondere alle richieste di informazioni, di preventivo, o di qualunque altra natura indicata dall’intestazione del modulo.
    Dati personali raccolti: CAP, Cognome, Data di Nascita, Email, Indirizzo, Nazione, Nome, Numero di Fax, Numero di Telefono, Partita IVA, Professione, Provincia, Ragione sociale, Sesso, Stato e Varie tipologie di Dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio.
  • Mailing List o Newsletter (Questa Applicazione)
  • Con la registrazione alla mailing list o alla newsletter, l’indirizzo email dell’Utente viene automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email contenenti informazioni, anche di natura commerciale e promozionale, relative a questa Applicazione. L’indirizzo email dell’Utente potrebbe anche essere aggiunto a questa lista come risultato della registrazione a questa Applicazione o dopo aver effettuato un acquisto.
  • Dati personali raccolti: CAP, Città, Cognome, Cookie, Data di Nascita, Dati di utilizzo, Email, Nazione, Nome, Numero di Telefono, Professione, Provincia, Sesso e Stato.
  • Commento dei contenuti
    I servizi di commento consentono agli Utenti di formulare e rendere pubblici propri commenti riguardanti il contenuto di questa Applicazione.
    Gli Utenti, a seconda delle impostazioni decise dal Titolare, possono lasciare il commento anche in forma anonima. Nel caso tra i Dati Personali rilasciati dall’Utente ci sia l’email, questa potrebbe essere utilizzata per inviare notifiche di commenti riguardanti lo stesso contenuto. Gli Utenti sono responsabili del contenuto dei propri commenti.
    Nel caso in cui sia installato un servizio di commenti fornito da soggetti terzi, è possibile che, anche nel caso in cui gli Utenti non utilizzino il servizio di commento, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui il servizio di commento è installato.
    Facebook Comments (Facebook, Inc.)
    Facebook Comments è un servizio gestito da Facebook, Inc. che consente all’Utente di lasciare propri commenti e condividerli all’interno della piattaforma Facebook.
    Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
    Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
    Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine di questa Applicazione.
    Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
    Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.
    Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)
    Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.
    Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
    Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy
  • Registrazione ed autenticazione
    Con la registrazione o l’autenticazione l’Utente consente all’Applicazione di indentificarlo e di dargli accesso a servizi dedicati.
    A seconda di quanto indicato di seguito, i servizi di registrazione e di autenticazione potrebbero essere forniti con l’ausilio di terze parti.
    Qualora questo avvenga, questa applicazione potrà accedere ad alcuni Dati conservati dal servizio terzo usato per la registrazione o l’identificazione.
    Registrazione diretta (Questa Applicazione)
    L’Utente si registra compilando il modulo di registrazione e fornendo direttamente a questa Applicazione i propri Dati Personali.
    Dati personali raccolti: CAP, Città, Codice Fiscale, Cognome, Data di Nascita, Email, Indirizzo, Nazione, Nome, Numero di Fax, Numero di Telefono, Partita IVA, Password, Professione, Provincia, Ragione sociale, Sede di lavoro, Sesso, Social Security number (SSN), Stato e Username.
  • Visualizzazione di contenuti da piattaforme esterne
    Questi servizi permettono di visualizzare contenuti ospitati su piattaforme esterne direttamente dalle pagine di questa Applicazione e di interagire con essi.
    Nel caso in cui sia installato un servizio di questo tipo, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.
    Google Fonts (Google Inc.)
    Google Fonts è un servizio di visualizzazione di stili di carattere gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.
    Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
    Luogo del trattamento : USA – Privacy PolicyQuesti servizi permettono di visualizzare contenuti ospitati su piattaforme esterne direttamente dalle pagine di questa Applicazione e di interagire con essi.
    Nel caso in cui sia installato un servizio di questo tipo, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.
  • Video Vimeo (Vimeo, LLC)
  • Vimeo è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Vimeo, LLC che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.
  • Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
  • Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy
  • Widget Video Youtube (Google Inc.)
  • Youtube è un servizio di visualizzazione di contenuti video gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.
  • Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
  • Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Ulteriori informazioni sul trattamento

Difesa in giudizio

I Dati Personali dell’Utente possono essere utilizzati per la difesa da parte del Titolare in giudizio o nelle fasi propedeutiche alla sua eventuale instaurazione, da abusi nell’utilizzo della stessa o dei servizi connessi da parte dell’Utente.
L’Utente dichiara di essere consapevole che il Titolare potrebbe essere richiesto di rivelare i Dati su richiesta delle pubbliche autorità.

Informative specifiche

Su richiesta dell’Utente, in aggiunta alle informazioni contenute in questa privacy policy, questa Applicazione potrebbe fornire all’Utente delle informative aggiuntive e contestuali riguardanti servizi specifici, o la raccolta ed il trattamento di Dati Personali.

Log di sistema e manutenzione

Per necessità legate al funzionamento ed alla manutenzione, questa Applicazione e gli eventuali servizi terzi da essa utilizzati potrebbero raccogliere Log di sistema, ossia file che registrano le interazioni e che possono contenere anche Dati Personali, quali l’indirizzo IP Utente.

Informazioni non contenute in questa policy

Maggiori informazioni in relazione al trattamento dei Dati Personali potranno essere richieste in qualsiasi momento al Titolare del Trattamento utilizzando le informazioni di contatto.

Esercizio dei diritti da parte degli Utenti

I soggetti cui si riferiscono i Dati Personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno degli stessi presso il Titolare del Trattamento, di conoscerne il contenuto e l’origine, di verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione, la cancellazione, l’aggiornamento, la rettifica, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei Dati Personali trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al Titolare del Trattamento.

Questa Applicazione non supporta le richieste “Do Not Track”. Per conoscere se gli eventuali servizi di terze parti utilizzati le supportano, consulta le loro privacy policy.

Modifiche a questa privacy policy

Il Titolare del Trattamento si riserva il diritto di apportare modifiche alla presente privacy policy in qualunque momento dandone pubblicità agli Utenti su questa pagina. Si prega dunque di consultare spesso questa pagina, prendendo come riferimento la data di ultima modifica indicata in fondo. Nel caso di mancata accettazione delle modifiche apportate alla presente privacy policy, l’Utente è tenuto a cessare l’utilizzo di questa Applicazione e può richiedere al Titolare del Trattamento di rimuovere i propri Dati Personali. Salvo quanto diversamente specificato, la precedente privacy policy continuerà ad applicarsi ai Dati Personali sino a quel momento raccolti.

Definizioni e riferimenti legali

Dati Personali (o Dati)

Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

Dati di Utilizzo

Sono i dati personali raccolti in maniera automatica dall’Applicazione (o dalle applicazioni di parti terze che la stessa utilizza), tra i quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette all’Applicazione, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno dell’Applicazione, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente.

Utente

L’individuo che utilizza questa Applicazione, che deve coincidere con l’Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento.

Interessato

La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)

La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di questa Applicazione. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di questa Applicazione.

Questa Applicazione

Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti.

Cookie

Piccola porzione di dati conservata all’interno del dispositivo dell’Utente.

Riferimenti legali

Avviso agli Utenti europei: la presente informativa privacy è redatta in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonché a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.