Aeonium arboreum: la pianta più facile da coltivare

All’Isola d’Elba tre anni fa ho prelevato (diciamo pure “rubato”!) un rametto di una pianta allora sconosciuta, che poi ho scoperto essere Aeonium arboreum. Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, è originaria del Nord Africa e della zona dell’arcipelago delle Isole Canarie. A Milano o nei luoghi caratterizzati da clima freddo e umido non la vedrete all’aperto, ma nella costa tirrenica e nei luoghi dal clima mite sicuramente sì.
È molto facile da coltivare e veramente gratificante: le foglie coriacee, a spatola, sono disposte a rosetta e risultano molto decorative negli ambienti interni. I fusti, al contrario, sono nudi e poco ramificati: questo conferisce alla pianta l’aspetto di un piccolo albero esotico. In realtà foglie e fusto hanno queste caratteristiche per un motivo preciso, ovvero per funzionare come riserva d’acqua nei periodi di siccità. Le foglie addirittura si “muovono” per proteggere le gemme apicali. Le Aeonium sono tra le piante di facile coltivazione. In inverno vanno conservate tra 10 e 16 °C, ma resistono aeonium arboreum molto bene a 5° C, e anche a temperature inferiori per brevi periodi, solo se si mantengono asciutte e in completo riposo vegetativo. Due inverni fa ho letteralmente abbandonato all’esterno la mia pianta, visto che in casa soffriva e non sapevo come rimediare. Aveva perso i bellissimi boccioli e, come si vede anche dalla foto, il fusto si era rinsecchito. Ha superato l’inverno e a primavera sono spuntate piccole gemme. Questa è la testimonianza della resistenza estrema dell’Aeonium!
La cosa più importante per questa pianta è l’esposizione al sole. Essendo abituata a grandi mangiate di sole, mettetela pure in prossimità di una finestra, con i raggi diretti. In inverno, in casa, è necessario garantirle qualche ora di luce.
L’Aeonium predilige il clima asciutto: innaffiare con moderazione, meno acqua date meglio è! Visto che in estate regge bene con acqua ogni 8/10 giorni (in inverno innaffiare ogni 15 giorni), è la varietà ideale per tutti quelli che fanno morire le piante di sete! Prima di innaffiare, attendete sempre che la superficie sia completamente secca.
Se la collocate fuori, nel periodo estivo, ricordatevi di metterla in una posizione riparata dalla pioggia. Serre e verande sono l’ambiente veramente ideale di questa pianta, perchè sono luminose e la temperatura non presenta grandi sbalzi.

La moltiplicazione
Il genere Aeonium si riproduce tramite talea. Con questa tecnica è possibile mantenere tutte le caratteristiche genetiche e morfologiche della pianta madre. Ci vuole veramente poco, zero accorgimenti, per far radicare la nuova pianta. Non serve nemmeno l’ormone radicante. Ricordatevi, però, di interrare il fusto semilegnoso e non solo l’apice.

Lascia un commento