Il Nasturzio “fai-da-te”

In primavera è possibile iniziare a produrre da sé le proprie piante, con un duplice vantaggio: una spesa minima e un’ampia gamma di piante coltivabili. Insieme a una grande soddisfazione nel veder crescere le piantine.
Il Tropaeolum Majus, conosciuto da tutti come Nasturzio, è una pianta annuale proveniente dal Perù. Molto semplice da coltivare, ha davvero poche esigenze: di 16 semi piantati, la totalità ha germinato ed è cresciuta. Grazie alla facilità di coltivazione, il nasturzio ha conquistato il suo posto in molti giardini e balconi,  nelle fioriere mescolato ad altri fiori visto  il suo portamento  ricadente o tappezzante.
Il Nasturzio è una fioritura continua, dalla primavera a fine estate: lo consiglio anche perchè i fiori variano nelle tonalità, dal tenue color crema al rosso acceso.

Occorrente
  • terriccio universale
  • 1 bustina di semi di nasturzio
  • etichette
  • vasi/semenziaio

Ricorda!

  • Anche i semi hanno la data di scadenza, dopo un anno non è garantita la germinazione. Aprile e maggio i mesi più indicati per erbacee annuali e specie perenni.
  • I semi vanno ricoperti da uno strato di terra di spessore pari o poco superiore alle dimensioni dei semi stessi.
  • Per verificare se i semi sono ancora “buoni”, versateli in un bicchiere d’acqua, lasciateli macerare quindi scartate quelli che galleggiano e utilizzate, interrandoli subito, quelli che vanno a fondo.
  • Utilizza le etichette per segnare il nome della pianta, in modo da riconoscerla facilmente.
 Tutorial

occorrente nasturzi

1

Per la semina consiglio di utilizzare i vasetti di torba al posto dei vasi di plastica. Sono l’ideale per precoltivare in serra e, in un secondo momento, per essere trapiantati al suolo o in vasi più grandi, evitando così lo choc del trapianto. Grazie alla porosità, trattengono la giusta quantità di acqua, fondamentale in questi primi giorni.

hand seeds nasturzio

2

 Dopo aver fiorito i nasturzi formano gruppi di tre semi, che si possono raccogliere appena sono ben gonfi e verdi, e lasciati asciugare e rinsecchire in una busta di carta. Diminuiranno molto il loro volume e probabilmente perderanno la cuticola sugherosa.

nasturzio sistemato

3

La semina è elementare: visto che i semi non sono minuscoli, come la maggior parte delle piante, basta affondarli 1cm con il pollice dentro la terra e poi ricoprirli.

nasturzio 1 month

4

Dopo un mese i vostri semi appariranno come nella foto a fianco: il nasturzio esce dalla terra quasi subito: se non lo vedete dopo una settimana, mi sa che avete sbagliato qualcosa! I nasturzi vanno trapiantati una volta che si sono irrobustiti un minimo, dopo che hanno raggiunto circa 10 cm di altezza.

roots long nasturzio

5

Vi accorgerete di quando è ora di trapiantarli quando vedrete fuoriuscire le estremità delle radici dai vasetti di torba. Ovviamente meno stress recate alla pianta, meglio è. Per favorire la crescita, magari incidete con delle forbici il lato basso del vasetto, in modo da liberare i filamenti radicale aiutandoli a crescere verso il basso.

trapianto in vaso

6
Se volete unire più pinatine di nasturzi, preparate un vaso di grandi dimensioni. Considerate che il nasturzio cresce tantissimo, quindi bisogna evitare che le piante si soffochino a vicenda.

nasturzio arancione

7
La fioritura continua tutta l’estate. Ricordatevi da innaffiare abbondantemente, anche tutti i giorni. Potete staccare i fiori appassiti, ma ricordatevi di recuperare i semi per l’anno prossimo!

Lascia un commento