I lavori di marzo

Eccola, la primavera! Dopo mesi di riposo (vegetativo, fisico e pure mentale) si riparte con la stagione più bella e più attiva in giardino. Se non avete dimestichezza con la cura del verde e credete di possedere il famigerato “pollice nero”, buttatevi…tanto è morbido!
Visto che la confusione mentale porta enormi difficoltà nella gestione dei lavori, vi propongo un’ infografica riassuntiva, in modo da evitare di vagare nel garden center e sul balcone sprecando tempo e risorse nel dedicarsi ai lavori sbagliati, come facevo sempre io i primi tempi.
Innanzitutto è necessaria una premessa: marzo è considerato per eccellenza il mese del risveglio perchè, visto che inizia la primavera, si dà per scontato che le temperature siano miti e in rialzo. Come abbiamo imparato negli ultimi anni, una rondine non fa primavera e, soprattutto, il 21 marzo non obbliga il clima a essere più clemente. Marzo pazzerello, insomma. Tenete presente che non dovete lavorare finchè le temperature non abbiano raggiunto i 15°. In presenza di gelate tardive o anche di temperature troppo basse, ricordate di rimandare i lavori, soprattutto quelli di semina e trapianto, per i quali la variabile climatica è determinante.

Nei prossimi giorni, ovviamente, approfondiremo tutti i temi dell’infografica. Per ora stampate, condividete, diffondete e imprimete nel cervello….vi servirà!

giardino_lavori_marzo

 

Lascia un commento